Samsung costretta a rivelare ad Apple i dati relativi alle proprie vendite

Samsung, in una disputa in corso con Apple negli Stati Uniti, aveva richiesto di mantenere segreti alcuni dei dati relativi alle vendite dei dispositivi Galaxy. Tale richiesta però è stata recentemente negata dal giudice distrettuale Lucy Koh. Il gigante coreano dell’elettronica voleva mantenere le sue cifre segrete, ma ora dovrà fornirle ad Apple.

samsung-sign110608133027

Altra pesante notizia per la società coreana, che dopo la notevole cifra da un miliardo di dollari versata nelle casse della storica rivale Apple, si vede costretta a rivelare importanti informazioni sulla propria linea di dispositivi Galaxy. Ora, la società di Cupertino è in attesa di una decisione del giudice Koh in merito alla richiesta di ulteriori danni nei confronti di Samsung per la violazione di brevetti dopo essersi vista respingere il tentativo di bloccare le vendite di 26 dispositivi negli Stati Uniti.

Koh il 10 dicembre scorso ha deciso che Samsung deve rivelare il numero totale di unità vendute in determinati periodi di alcuni dispositivi. Non è chiaro il motivo per il quale il giudice Koh abbia richiesto queste informazioni, e certamente Samsung preferiva mantenere il segreto su di esse. “La richiesta di Samsung riguarda informazioni sui prezzi e margini di profitto“, ha spiegato il giudice. “I dati che vengono richiesti sono relativi al numero di unità vendute negli ultimi mesi”.

Il giudice comunque ha acconsentito che venga ritardata la pubblicazione di una parte del documento, richiesta dalla società coreana, il quale mostra l’utile operativo per unità di due smartphone della Samsung, in attesa del processo di appello.

Via | CultOfAndroid