nVidia stupisce tutti presentando Tegra 4 e il nuovo ‘Project Shield’ al CES 2013

nVidia è famosa nel mondo mobile per i suoi chip Tegra, rivolti soprattutto al gaming. Grazie all’ottimizzazione del software presente su Tegrazone, la società di Santa Clara permette la migliore esperienza di gioco per quanto riguarda i dispositivi Android, e questa è destinata a cambiare radicalmente nei prossimi mesi. Vediamo insieme come.

project-shield-streaming

nVidia ha presentato ufficialmente Tegra 4 al CES di 2013, una delle fiere dell’elettronica più importanti al mondo. Qualche settimana fa avevamo riportato una notizia in cui si vociferava un ipotetico quad-core basato su architettura Cortex A-15, con una GPU da 72 core grafici. Sembra proprio che la slide trapelata su internet fosse davvero reale.

Tegra 4 ancora è in fase di beta e supporterà le reti LTE solo tramite chip opzionale. A livello prestazionale fa letteralmente paura, andandosi a posizionare addirittura sopra al chip A6x che, ad oggi, si trova nell’Olimpo dei SoC mobile. Le specifiche di Tegra 4 saranno:

  • CPU 4+1 core da 28nm, basata su architettura ARM Cortex-A15
  • GPU dotata di 72 CUDA core
  • Supporto a risoluzioni 4K

Del SoC non è stata ancora dichiarata la frequenza operativa, ma sono apparse alcune slide di confronto con il Nexus 10, che come sappiamo monta una CPU Cortex-A15 dual-core da 1,7GHz, in cui Tegra 4 riesce a compiere le stesse operazioni nella metà del tempo.

  175720-tegra4intro tegra-4-performance-630x354

nVidia si è occupata inoltre di fornire al SoC un’architettura adibita all’elaborazione digitale delle fotografie, in pratica un engine dedicato solamente a quella funzione. Questo permetterebbe, ad esempio, di realizzare post-produzioni avanzate sul proprio dispotivo mobile, sfruttando la potenza dei SoC in esso contenuto. L’obiettivo è quello di rendere gli smartphone di domani estremamente più potenti rispetto alle reflex dal punto di vista computazionale.

Il nuovo Tegra 4 permetterà, infatti, di realizzare foto in HDR in un tempo di 10 volte inferiore rispetto a quello impiegato dagli smartphone odierni. Inoltre sarà possibile scattare foto in HDR anche in modalità burst e con flash LED attivo.

Se Tegra 4 stupisce sul fronte delle prestazioni rispetto alle tecnologie attuali, nVidia non si è fermata qui. Qualche minuto più tardi è stato presentato “Project Shield”, una console portatile che ha come obiettivo un netto rimodernamento del gaming su dispositivi mobile, e non solo.

project-shield-controller-top

La console avrà in dotazione il nuovo SoC Tegra 4, uno schermo da 5″ con risoluzione di 1280×720, da 294dpi, porte micro-USB e HDMI. Il CEO di nVidia Jen-Hsun Huang ha mostrato un paio di giochi, presenti attualmente su Tegrazone, girare tranquillamente sulla nuova piattaforma, ma quello che ha sbalordito è stato Hawken, una nuova creazione basata su Unreal Engine 3, con supporto al multiplayer ed una grafica decisamente gustosa.

La nuova console non si ferma al solo gaming mobile. Shield può, infatti, essere collegata al PC via Wi-Fi e trasmettere sullo schermo da 5″ tutta una serie di giochi compatibili con la piattaforma in uso. Sarà basata su Jelly Bean e i primi prototipi non supportano (per adesso) l’LTE. In pratica saranno trasferite in live streaming le immagini del gioco che lanceremo su PC. Possiamo utilizzare il dispositivo per collegarci con Steam e sfogliare la nostra libreria oltre che comprare nuovi prodotti. In futuro Tegrazone sarà rimpolpato anche da giochi desktop.

Huang ha mostrato Need for Speed: Most Wanted (la versione PC Desktop) girare fluidamente ed in tempo reale sul nuovo Shield, così come Assassin’s Creed 3, senza alcun tipo di problema o lag percepibile. È possibile vedere un video esplicativo in HD sulla nuova console dal sito GeForce.com.

Sicuramente sentiremo parlare di Shield nel corso della prossima settimana al CES 2013. Sappiamo che sarà rilasciato probabilmente nella prossima primavera, ma non si hanno informazioni sul prezzo.

Via | Engadget

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: