One more thing: Facebook sceglie Microsoft e scarta Google

Vi abbiamo da poco riportato le novità principale dell’evento indetto da Facebook a Willow Road, ovvero Graph Search, un rivoluzionario motore di ricerca che cambierà il modo in cui le persone cercheranno nuovi contenuti su internet. Scopriamo qualche dettaglio in più.

iSpazio facebook graph search

Graph Search, il motore di ricerca presentato da Mark Zuckerberg che verrà implementato nel social network, ci aiuta a cercare le persone che hanno i nostri stessi interessi ad esplorare il nostro mondo tramite foto ed a scoprire ristoranti, musica e tanto altro ancora.

La potenza di questo motore di ricerca sta nel fatto che possiamo filtrare ed affinare la nostra ricerca, ad esempio: “A quali amici che vive nella mia città piace il calcetto?” oppure “Chi dei miei compagni di scuola è stato a Roma?” ma anche “Quali sono le pizzerie a Napoli preferite dai miei amici che vivono a Napoli?“.

ispazio facebook graph search 2

Potremmo anche cercare chi dei nostri amici single vive nella nostra città o in quella in cui ci stiamo per trasferire, magari filtrando solo quelli che hanno i nostri stessi interessi, oppure guardare le foto scattate in un luogo che stiamo per visitare, ma solo quelle scattate dagli amici di Facebook.

ispazio facebook graph search foto

Già questo basterebbe per rendere interessante la funzione Graph Search, ma Mark Zuckerberg prima di chiudere l’evento annuncia che il motore di ricerca di facebook sarà supportato da Bing, il motore di ricerca di Microsoft, quindi la nuova barra del social network potrà anche essere utilizzata per fare le “classiche ricerche”.

Quando uno dei giornalisti chiede come mai hanno scelto Microsoft e non Google come partner, il CEO di Facebook risponde:

Il motivo principale è che le persone, quando condividono qualcosa su Facebook, vogliono avere non solo la possibilità di divulgarla, ma anche di ritirarla rimuovendola immediatamente. Microsoft è stata più disposta a fare queste cose specifiche per Facebook.

Sicuramente non mancherà la replica di Google. Restate sintonizzati

Via | engadget