iPhone 5 regalati agli assessori siciliani: scatta la protesta

È notizia di qualche giorno fa, ma la bufera è scoppiata solo oggi: 10 assessori siciliani hanno ricevuto in dotazione degli iPhone 5 per poter svolgere le loro mansioni, poco dopo però ci hanno ripensato ed hanno deciso di restituirli e di comprarsi dei telefoni di tasca propria.

iPhone 5

In questo periodo in cui ci vengono imposte restrizioni e privazioni a causa della crisi economica, c’è anche qualcuno che però non sente il bisogno di collaborare. È il caso di 10 assessori comunali di Palermo che, stanchi della loro dotazione tecnologica di “scarsa qualità”, grazie ad una delibera comunale hanno deciso di acquistare a spese del comune un iPhone 5 da 64GB a testa, per un totale che sfiora i 10’000€.

Ora però è iniziata la campagna elettorale ed una notizia del genere non avrebbe giovato al partito di cui fanno parte, quindi sono subito tornati sui loro passi riconsegnando i telefoni e acquistandone di nuovi, ma certamente meno costosi, di tasca propria.

La restituzione dei telefoni non è però stata registrata dall’ufficio incaricato a gestire l’operazione e quindi l’acquisto è stato trascritto nelle spese. Ovviamente una spesa di poco meno di 10’000€ non è passata inosservata dagli esponenti dell’opposizione e quindi hanno reso pubblica la notizia.

La situazione è tornata alla normalità solo dopo una nota rilasciata da Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, in cui si precisa che:

Il presunto acquisto da parte dell’Amministrazione comunale di alcuni telefonini per un costo complessivo di quasi 10.000 euro è, anche se tecnicamente corretta, frutto di un malinteso che si è chiarito solo in queste ore. Gli Assessori interessati hanno, già da settimane, restituito i telefoni di servizio acquistando a proprie spese altri telefoni.

Via | MacityNet

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: