Nuovo caso per le mappe di Apple: nomi offensivi al posto di quelli delle vie

Sembra che la scia negativa che si porta dietro il nuovo servizio cartografico di Apple non sia destinata a concludersi. Alcune strade della capitale afghana Kabul sono state riportate in maniera errata e denigratoria, frutto di alcuni errori presenti nelle vecchie cartografie di OpenStreetMap.

ihone_5_2338012b

Le Mappe di Apple non godono di una buona fama e per una volta tanto dobbiamo dirlo: Apple se l’è cercata! Abbandonare un colosso con esperienza decennale come Google avrebbe portato ad una situazione simile ed era facile da prevedere.

Yaroslav Trofimov, Bureau Chief per il Wall Street Journal ha trovato altri errori parecchio grossolani all’interno della cartografia utilizzata dal colosso di Cupertino nel suo servizio di mappe. In pratica i nomi di alcune vie di Kabul sarebbero stati fortemente travisati e riportati in maniera erronea: stiamo parlando di vie come “Bad Monkey” o “Mojo Way”, palesemente fittizie.

BAhiJfhCIAAGw29

Si è scoperto che questi nomi appartenevano alla cartografia utilizzata da OpenStreetMap, da cui Apple ha attinto cospicuamente per la realizzazione del proprio servizio. Questi erano stati inseriti da alcuni studenti universitari per scherzo, o come segnaposto temporanei per etichettare strade per le quali vi erano dispute.

“Il problema è che Apple ha utilizzato le vecchie mappe di OpenStreetMap relativamente a quel luogo e non le ha aggiornate da allora”, sostiene Kate Chapman, team director di OpenStreetMap, che riversa l’interezza della colpa alla società di Cupertino.

Tim Cook ha espressamente riportato più volte che la società sta impiegando tutte le risorse possibili per migliorare le proprie Mappe, ammettendo lo stato decisamente incompleto del servizio. Tuttavia, sebbene i miglioramenti siano sotto gli occhi di tutti, le Mappe di Apple sembrano ancora embrionali ed incomplete, soprattutto rispetto ai servizi proposti dalla concorrenza.

Via | UnDispatch

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: