500px rimossa da App Store per la presenza di nudo: Flickr sarà la prossima?

Apple ha eliminato da App Store la popolare applicazione di condivisione di foto 500px, perché sarebbe troppo facile la ricerca di fotografie di nudo al suo interno. Il metodo utilizzato per nasconde le foto di nudo era però più restrittivo di quello utilizzato attualmente da Flickr. Quest’ultimo servizio sarà quindi il prossimo a venire eliminato?

500

Apple non ha approvato l’aggiornamento in quanto permette agli utenti di cercare foto di nudo all’interno dell’applicazione. Questo è vero, anche se gli sviluppatori di 500px avevano reso difficile poterlo fare. Ai nuovi utenti non basta lanciare l’applicazione per poter trovare le immagini di nudo, come invece è possibile su altri social come Instagram o Tumblr.

Al contrario l’applicazione censurata aveva attivato di default una “Safe Search” in modo che vengano nascoste le fotografie di nudo. Per disattivare la Safe Search, gli utenti sono obbligati a farlo dal proprio pc. Tchebotarev, fondatore di 500px, ha inoltre affermato che questa scelta è stata fatta per evitare che i bambini possano imbattersi in queste foto involontariamente.

Ciò che stupisce di più, è il fatto che 500px aveva una soluzione abbastanza macchinosa per poter disattivare il Safe Search, al contrario di altre applicazioni come Flickr in cui è invece possibile cambiare il metodo di ricerca semplicemente andando nelle impostazioni dell’applicazione.

Nel frattempo gli sviluppatori di 500px hanno già inviato ad Apple una versione aggiornata della loro applicazione che rende impossibile cercare immagini di nudo.

Ciò significa quindi che Apple è pronta ad eliminare tutte quelle applicazioni che consentono la visualizzazione di immagini esplicite? Personalmente credo che Apple sia stata molto rigida in questa scelta e che probabilmente nessun’altra applicazione subirà lo stesso trattamento.

Via | Cult Of Mac

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: