iMessage cresce a vista d’occhio: sono 2 miliardi i messaggi inviati ogni giorno!

iMessage sta raggiungendo livelli di popolarità decisamente impressionanti, confermandosi come una valida alternativa gratuita ai messaggi tradizionali nei dispositivi iOS. I risultati sono stati confermati durante la chiamata agli investitori di ieri da parte di Tim Cook. Gli operatori telefonici certamente non gradiscono!

imessage-ispazio

iMessage è il servizio di messaggistica istantanea preinstallato su tutti i dispositivi iOS che consente di inviare rapidi messaggi di testo e multimediali (con foto, note audio e video) agli altri terminali di Cupertino. Si pone in contrapposizione agli SMS ed agli MMS, non gratuiti ed estremamente più limitati ed è, attualmente, il più grosso terrore delle compagnie telefoniche assieme ad altri progetti come Whatsapp, Viber, Facebook Messenger ed altri.

Ieri, Apple ha diramato alcuni dati relativi alla sua piattaforma di messaggistica proprietaria, individuandone una crescita estremamente elevata: sono stati inviati complessivamente 450 miliardi messaggi, mentre ne vengono trasmessi circa 2 miliardi al giorno. Rispetto allo scorso giugno è stata raddoppiata la soglia giornaliera, e triplicata quella complessiva: infatti sei mesi fa venivano inviati “solo” 1 miliardo messaggi al giorno e complessivamente ne erano stati inviati 150 miliardi.

Di contro WhatsApp ha totalizzato circa 11 miliardi nel solo 31 dicembre 2012 e, nel corso dell’estate scorsa, in agosto, ne registrava “solamente” 6 miliardi. La sua crescita dell’83% nell’arco di quattro mesi è paragonabile a quella del 100% di iMessage nell’arco di sei mesi.

Di certo il paragone assoluto è infattibile, WhatsApp infatti vanta una struttura multi-piattaforma che gli permette di essere utilizzato su tutti i sistemi operativi mobile e su dispositivi di tutte le fasce di mercato (io stesso lo utilizzavo tranquillamente su un Nokia C3-01).

Via | BGR

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: