La Corte d’Appello nega la richiesta di Apple di vietare le vendite del Galaxy Nexus

La battaglia legale tra Apple e Samsung sembra non avere mai fine. Nell’ultimo round, Apple ha tentato ancora una volta di bloccare le vendite del Galaxy Nexus di Samsung, ma la Corte d’Appello americana ha respinto la richiesta.

Samsung-Galaxy-Nexus-smartphone4

Nel Giugno 2012 Apple aveva inizialmente ottenuto la sospensione delle vendite del dispositivo a causa di una presunta violazione di un brevetto da parte dell’azienda sudcoreana. Il mese successivo però, il Galaxy Nexus è tornato in commercio grazie ad un aggiornamento software. Nel mese di Ottobre la Corte d’Appello aveva poi stabilito che il tribunale della California, concedendo il blocco delle vendite, aveva abusato del suo potere decisionale.

Lo scorso autunno la Corte d’Appello ha affermato che gli utenti che acquistano un iPhone 4S utilizzano Siri perché, tra le altre cose, offre risultati di ricerca comprensibili. Tuttavia questo non significa che chi acquista un Galaxy Nexus lo faccia per le stesse ragioni. La Corte d’Appello non è impazzita facendo questo tipo di affermazioni: ricordiamo che Apple ha richiesto il blocco delle vendite del Nexus proprio perché la società sostiene che Google abbia copiato Siri per quanto riguarda le modalità di ricerca.

Apple ha quindi fatto ricorso, ma nella giornata di ieri la Corte ha ribadito la sua scelta di non bloccare nuovamente le vendite allo smartphone di Samsung e Google.

L’ultima mossa che potrebbe ora fare Apple è quella di proseguire con la causa dinanzi alla Corte Suprema degli Stati Uniti, ma difficilmente gli attuali giudici accoglieranno le richieste della società californiana, dal momento in cui non sono mai sembrati propositivi ad accogliere questo genere di richieste.

Via | Apple Insider

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: