A poche ore dal rilascio del jailbreak di iOS 6.1 una chicca dal passato: il primo tool di sblocco richiedeva 74 passi diversi per essere installato!

Sono passati quasi sei anni dal rilascio del primo jailbreak ed abbiamo quasi la certezza che oggi verrà pubblicato quello relativo ad iOS 6.1. Possiamo pensare che la procedura, come quanto avvenuto con gli ultimi tool, sarà estremamente semplice ed accessibile a tutte le tipologie di utenti, ma una volta non era così!

cydia

Torniamo indietro nel tempo, fino al 2007, anno in cui pochi hacker erano al lavoro sullo sblocco dei propri iPhone ed iPod touch. Una volta terminati e completato il jailbreak, questo richiedeva ben 74 passi specifici per poter essere installato sul proprio dispositivo.

Il jailbreak per l’iPod touch è stato pubblicato nel settembre del 2007, quando è stato rilasciato il tool JailbreakMe 1.0 (chiamato anche AppSnapp) per sbloccare la versione 1.1.1 di quello che allora si chiamava iPhone OS. Una volta effettuato sul proprio dispositivo era possibile installare applicazioni non disponibili su AppStore e modifiche a livello di sistema.

Allora il jailbreak non era assolutamente alla portata di tutti e richiedeva discrete competenze in informatica per poter essere eseguito ed è quanto si può leggere dai tutorial ancora presenti in rete, come ad esempio in questo thread del forum di MacRumors. All’interno dei 74 passi ne riportiamo alcuni fra i più tediosi:

34. Rename “chmod” in the iPhuc folder to “update”.

35. In iPhuc, “putfile update”, so you’re replacing /usr/sbin/update

with chmod.

36. “cd /System/Library/LaunchDaemons/”

37. “getfile com.apple.update.plist”

38. Open com.apple.update.plist in a text editor

Right after it says <string>/usr/sbin/update</string> add:

<string>555</string>
<string>/bin/chmod</string>
<string>/bin/sh</string>
<string>/usr/bin/dropbear</string>

39. Save the file. Upload the modified version with “putfilecom.apple.update.plist”

40. Also, “putfile au.asn.ucc.matt.dropbear.plist”

41. Reboot the iPod twice. The first reboot should set the required permissions. The second should start the ssh server (since proper permissions are now set). And close iPhuc.

Di seguito invece vi proponiamo la finestra del più recente tool per il jailbreak di iPhone 4S.

Screen-Shot-2012-01-20-at-12-2.36.18-PM

Di certo le differenze sono eclatanti e fanno anche capire quanto sia cambiato il settore negli ultimi anni con l’avvento di iPhone.

Appena il Jailbreak sarà disponibile lo testeremo e vi forniremo la guida ed il link per il download.

Restate sintonizzati. Raccoglieremo questa news e tutti gli aggiornamenti sul Jailbreak in un unico articolo raggiungibile cliccando >>QUI<<. Se volete essere i primi a conoscere lo stato di avanzamento del Jailbreak e tutte le altre notizie relative ad iPhone, iPad mini, iPad ed iPod touch e di tutto il mondo Apple, scaricate la nostra App, ottimizzata anche per iPhone 5, per ricevere le notifiche in tempo reale.

Immagine per iSpazio Push App

iSpazio Push App

Fabiano Confuorto
Gratuiti

Via | CultOfMac

 

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: