Nuance annuncia l’arrivo di Nina, la nuova assistente virtuale, anche in Italia

Nina è il nuovo assistente virtuale di Nuance che riconosce ben 38 lingue diverse che consente di migliorare il servizio clienti delle aziende che ne faranno uso, sfruttando gli SDK offerti dalla stessa società.

bkgd-nina

Siri è stato accolto in maniera piuttosto fredda da tutto il mondo, soprattutto dai concorrenti di Apple. La storia vuole che non ci sia, ad oggi, una piattaforma mobile che non abbia un assistente vocale sullo stile di quello realizzato dall’azienda di Cupertino e presentato con iPhone 4S.

Gli assistenti vocali sembrano però prendere piede anche per quanto riguarda altri ambiti ed è quello che ci fa notare Nuance con il suo Nina, che già ha avuto particolare successo negli Stati Uniti. Nina è stato annunciato nella giornata di oggi anche in Italia, così che le aziende possano sfruttarne il motore di riconoscimento vocale all’interno delle loro applicazioni.

La società è una fra le più importanti nel settore e vanta una vasta esperienza. A Nuance dobbiamo, ad esempio, Dragon Dictation, una fra le prime app a portare la dettatura vocale sui nostri dispositivi iOS. Nello specifico Nina conosce 38 lingue diverse e si propone come un’assistente personale virtuale con le vesti di una App disponibile su dispositivi iOS ed Android per migliorare la qualità dell’assistenza ai clienti delle società che ne faranno uso.

Nina offre un’interazione dinamica grazie all’integrazione di numerose tecnologie proprietarie di Nuance: Speeck Recognition, TTS (text-to-speech), biometria vocale e comprensione del linguaggio naturale (NLU, Natural Language Understanding), garantendo la compatibilità con la più ampia gamma di dispositivi possibili, sia smartphone che tablet.

Nuance offre anche un notevole tool di sviluppo alle aziende, che consente di integrare le funzionalità di Nina all’interno di altre app, personalizzarle con il proprio brand ed introdurre ulteriori voci personalizzate.

La chicca risiede nel fatto che Nina dovrebbe riconoscere la voce del suo interlocutore ed agire di conseguenza, oltre che eseguire un notevole numero di interazioni possibili.

Per ulteriori informazioni vi rimandiamo al sito ufficiale di Nuance.

Di seguito vi riportiamo il comunicato stampa ufficiale di Nuance Italia.

Nuance presenta Nina l’assistente personale virtuale che parla e capisce 38 lingue

Burlington, MA – 6 febbraio 2013Nuance Communications, Inc. (NASDAQ:  NUAN) presenta  al mercato italiano Nina – Nuance Interactive Natural Assistantl’assistente virtuale per il customer service nell’ambito mobile.

Grazie al supporto di ben 38 lingue e l’ottimizzazione dell’esperienza in ambito mobile applicata a smartphone e tablet, le principali aziende a livello internazionale ritengono strategico integrare Nina nelle app per il customer service, con l’obiettivo di migliorare il proprio servizio clienti.

Nina  si propone agli utenti come un’assistente personale virtuale con le vesti di una App disponibile su dispositivi Apple iOS e Google Android, offrendo un’interazione dinamica e intelligente grazie all’integrazione di tecnologie diverse: Speech Recognition, TTS (text-to-speech), biometria vocale e comprensione del linguaggio naturale (NLU, Natural Language Understanding)  garantendo compatibilità con tablet, tra cui Apple iPad, iPad Mini e soluzioni con Android 4.1, in 38 lingue.

È inoltre la prima soluzione a offrire un tool di sviluppo SDK aperto, che consente di integrare rapidamente le funzionalità di un’assistente virtuale nelle app per dispositivi mobile esistenti. In aggiunta, Nina permette alle aziende di introdurre sul mercato l’assistente personale con il proprio brand, offrendo la possibilità di implementare voci TTS personalizzate.

“Proposta al mercato americano lo scorso agosto, Nina è la prima soluzione che permette agli utenti di sfruttare tutti i vantaggi di un’assistente personale direttamente nelle app per il mobile customer service. Il supporto di 38 lingue, ha permesso di affrontare e gestire un numero considerevole di  richieste a livello internazionale e le aziende e i rispettivi clienti hanno dato un riscontro sorprendente” commenta  Agostino Bertoldi, VP Southern Europe Divisione Enterprise & Mobility, Nuance Communications  ” Anche il mercato in Italia si è dimostrato sensibile e interessato al modello tecnologico di Nina, comprendendo il valore e l’ambito di applicazione. Nina è un’assistente personale virtuale in grado di interagire con l’utente attraverso un dialogo interattivo e intelligente  – prosegue Bertoldi – non solo riconosce le parole e la voce di chi le pronuncia, ma ne comprende il significato e il contesto, portando l’utente ad ottenere una risposta puntuale, riuscendo a prevedere la domanda, senza trascurare i requisiti di sicurezza. Il forte posizionamento e l’unicità nell’ambito delle tecnologie vocali, pone Nuance come leader indiscusso. Nina è l’ennesimo risultato dell’esperienza e della competenza di Nuance nello sviluppo di tecnologie sempre innovative.”

“Il vero fenomeno globale del momento è rappresentato dalle assistenti personali virtuali. Fornire allo stesso tempo un’ampia copertura linguistica, contestualizzazione intelligente, dialogo interattivo e comprensione del linguaggio naturale è qualcosa che solo poche aziende al mondo sono in grado di offrire” spiega Dan Miller, senior analyst di Opus Research. “Nuance è chiaramente fra le prime a far fronte alla crescente domanda globale di nuove opzioni di interazione per il mobile customer service, consentendo l’integrazione di un’assistente virtuale in mobile App e trasformare così uno smartphone in un assistente personale.

Aziende leader di tutto il mondo hanno scelto, in brevissimo tempo, di integrare Nina nelle proprie soluzioni rispondendo così alle esigenze del mercato dei settori diversi, dal finanziario alle assicurazioni, sanità, telecomunicazioni e prodotti consumer. USAA, il principale fornitore di soluzioni e servizi  assicurativi e finanziari rivolti ai membri dell’esercito statunitense, a inizio 2013 ha annunciato pubblicamente di aver scelto di integrare Nina in una app già presente nei dispositivi mobile.

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: