Gli analisti ammettono: i prossimi due anni saranno estremamente duri per Apple

L’analista Peter Misek di Jefferies è famoso per le sue esternazioni su Apple, tipicamente del tutto erronee e prive di senso. Oggi ha dichiarato che i prossimi due anni saranno particolarmente difficili per il colosso di Cupertino, vediamone assieme i motivi.

apple-store-genius-rescues-woman-from-alleged-kidnapper-video--0703430f92

Misek aveva creato un rumor a riguardo di un ipotetico evento Apple TV SDK lo scorso mese, verificatosi falso con grossa evidenza. È di oggi una nota agli investitori in cui sostiene che è meglio allontanarsi dal colosso di Cupertino per i prossimi due anni, perché saranno particolarmente contrastati.

Nella nota si legge che le spese di Apple saranno raddoppiate, aggiungendo circa 10 miliardi l’anno rispetto a quanto avviene nell’immediato presente. Nonostante la liquidità di cassa vertiginosa di cui gode in questo momento il colosso inventore di iPhone ed iPad, nei prossimi anni questa potrebbe ridursi notevolmente, per via delle inevitabili spese di ammodernamento a cui dovrà andare incontro la società, soprattutto affrontando la vendita di modelli economici, che garantiscono profitti inferiori.

Misek è solito rilasciare commenti non proprio a favore della società di Cupertino e questo potrebbe essere solo l’ennesimo tentativo di affossamento della società da parte dell’analista di Jefferies. Realmente un ridimensionamento (anche se ipotetico, in questo caso) della liquidità di cassa sarà causa di risvolti nella creatività di Apple per realizzare nuovi prodotti e farli assorbire ai mercati?

Voi che ne pensate delle nuove esternazioni di Misek? Apple sta andando realmente incontro ad un periodo buio? Io, personalmente, non credo!

Via | CultOfMac

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: