Un bambino spende quasi 2000€ in 10 minuti tramite gli acquisti in-app

iPad è un dispositivo che è rivolto a moltissime categorie di persone: c’è chi lo utilizza per leggere dei libri, chi per navigare in rete e chi lo usa principalmente per giocare. I problemi possono sorgere però quando è un bambino ad utilizzarlo, in quanto senza i dovuti accorgimenti si rischia di trovare delle sorprese nelle bollette, come è successo ad una famiglia inglese.

iPad

La vicenda raccontata dalla BBC ha come protagonista una famiglia inglese, i Kitchen di Bristol. Sharon e Greg, i genitori di Danny, hanno dovuto fare i conti con una bolletta molto salata proveniente da iTunes: ben 1700 sterline, che equivalgono a circa €1965.

I Kitchen hanno raccontato alla tv inglese la vicenda: il figlio di 5 anni Danny insisteva per scaricare un’applicazione gratuita sull’iPad dei genitori, così il padre Greg ha inserito la propria password per consentire il download.

Il piccolo Danny però all’interno del gioco si è trovato di fronte alla possibilità di acquistare dei pacchetti aggiuntivi (dal costo unitario di £69,99) per poter proseguire il gioco; quindi il piccolo Danny ha autorizzato svariati acquisti, totalizzando la cifra astronomica in soli 10 minuti.

La madre ha dichiarato che gli altri suoi figli l’hanno avvertita appena se ne sono accorti, ma ormai il danno era fatto ed il giorno seguente, quando è arrivata la fattura, Danny era molto turbato per ciò che aveva fatto.

I Kitchen devono però ritenersi fortunati in quanto, dopo aver spiegato la situazione al call center di Apple, la società ha deciso di rimborsare la spesa accidentale fino all’ultimo centesimo. Queste storie capitano molto spesso e non tutti hanno la fortuna di venire rimborsati da Apple, quindi il consiglio da seguire è sempre quello di impostare i dovuti blocchi sui propri dispositivi nel caso in cui possano essere utilizzati da bambini piccoli.

Via | Cult Of Mac

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: