ARM assicura smartphone a 32 core nei prossimi anni

Il settore hi-tech è uno dei pochi che ha sempre visto livelli costanti di crescita nonostante nonostante le varie situazioni di crisi in cui versano altre produzioni e questo ha fatto sì che i gadget tecnologici si sviluppino a ritmi molto sostenuti. ARM sostiene che probabilmente potremo vedere addirittura degli smartphone a 32 core nel giro di pochi anni.

ARM

Il settore tecnologico è uno di quelli che si sta sviluppando più velocemente in assoluto, basti pensare alla quantità di smartphone che vengono commercializzati ogni mese, o con quale velocità i personal computer vengono sostituiti dai modelli successivi nei negozi, per fare degli esempi semplici e ovvi.

Simon Segars, presidente di ARM, ha dichiarato che ci sono già le condizioni per poter sviluppare dei nuovi processori per dispositivi mobili a 16 o addirittura a 32 core, per poi essere commercializzati nel giro di pochi anni.

ARM è in grado inoltre di fornire moltissime soluzioni diverse in base alle esigenze delle grandi case produttrici, come ad esempio l’abbinamento di più architetture per ricavarne una più performante.

La società, grazie alle architetture che ha sviluppato (e che continuerà a sviluppare) può quindi considerarsi pronta per le sfide future e per continuare ad avere profitti provenienti dalle licenze concesse ad aziende del calibro di Apple, Samsung o Nvidia.

Per constatare il rapido sviluppo del settore tecnologico non era certamente fondamentale la dichiarazione di ARM, ma sicuramente sapere quanti progressi si stiano facendo e in quale direzione ci permette di avere le idee più chiare circa i progetti futuri.

Via | Tomshw

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: