Matrimoni via Skype sempre più diffusi, la legge li permette

Sposarsi online sta diventando sempre una pratica più diffusa. Dopo un primo periodo in cui si vedevano coinvolti i membri delle forze dell’ordine che non avevano alternative, si sono aperte nuove frontiere che non sempre conducono ad attività lecite e legittime.

xlarge

Immaginatevi con un iPad in mano a proclamare il più importante “sì” della vostra vita. La legge permette i matrimoni online, così come qualsiasi altro mezzo “mediatico”, addirittura mediante telegrammi. Nonostante sia ormai una pratica diffusissima, vengono sollevate le prime accuse riguardo al pericolo a cui questi possono portare.

“Parte della ragione per cui sarebbe preferibile avere entrambi i coniugi di fronte un prete o un giudice è di assicurarsi che la scelta sia voluta”, afferma il professore Adam Candeub al Michigan State University College of Law. “In alcuni casi, volenti o nolenti, potremmo sposare chiunque nel mondo”.

In alcuni casi questi tipi di matrimoni sono indispensabili per eludere le leggi sull’immigrazione di alcuni paesi e permettere ad uno dei due coniugi di raggiungere l’altro, ma in altri purtroppo si evidenziano problematiche ben più gravi, come il traffico di esseri umani. I matrimoni online rappresentano un modo veloce e soprattutto legale per portare donne e bambine in altri paesi, dove saranno forzate a prostituirsi.

Di certo non è possibile vietare una risorsa così preziosa, ma quantomeno sarebbe ora di iniziare a porre alcuni freni, in modo da avere un controllo più pratico e diffuso.

Via | Gizmodo

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: