Quarantuno mesi all’hacker che ha rubato dati sensibili ad AT&T: ‘Vado in galera per aver fatto due conti’

Andrew Aurneheimer, in arte Weev, è stato condannato a quarantuno mesi di reclusione in una prigione federale per aver ottenuto illegalmente l’accesso a 114.000 account di utenti AT&T nel 2010.

weev

Weev aveva rubato informazioni sensibili di utenti che avevano acquistato iPad all’interno dei negozi AT&T, il popolare operatore telefonico americano. Lo scorso novembre era stato già riconosciuto colpevole di furto d’identità e tentativo di accesso ad un terminale senza autorizzazione.

Dopo il suo rilascio dovrà affrontare ulteriori 3 anni in liberà vigilata, oltre a pagare un’ammenda di 73.000$ alla società AT&T, assieme al complice Daniel Spitler, ritenuto colpevole nel 2011. I quarantuno mesi di reclusione sono stati ottenuti dopo una sentenza preliminare che ne aveva indicati almeno quarantotto.

Aurenheimer aveva scoperto una falla di sicurezza nel sito che AT&T utilizzava per la registrazione al servizio 3G su iPad: “Sto andando in galera per aver fatto due conti aritmetici”, ha dichiarato l’hacker prima della sentenza.

Su Reddit sono parecchi i sostenitori, ma c’è anche chi lo condanna: “Chiunque pensi che Weev è come una sorta di eroe, è soggiogato da un individuo sociopatico e sadico che ha trascorso gran parte della sua vita adulta in forma anonima infliggendo sofferenze sulle persone a solo scopo di intrattenimento”.

In effetti, le esagerazioni sono probabilmente dovute. E voi come la pensate a riguardo? È giusto “rubare ai ricchi se si è poveri”?

 

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: