Mai più display Samsung nei dispositivi Apple a partire dal 2013

Apple avrebbe abbandonato del tutto Samsung, in qualità di fornitore dei pannelli LCD IPS utilizzati nei propri dispositivi. L’indiscrezione arriva direttamente dalla Corea ed è un tassello in più al percorso di Cupertino, nel tentativo di rendersi indipendente dal colosso antagonista.

iphoneretina

Sappiamo che già iPhone 5 non utilizza tecnologie di Samsung relativamente al display utlizzato, ma sono tanti i prodotti di Cupertino che ne fanno uso, dimostrando come il percorso di abbandono di Samsung sia stato più lungo e difficile del previsto: non sono tante le aziende al mondo che riescono a colmare richieste in termini di volumi così sostenute.

Tuttavia, DigiTimes sostiene che Samsung non abbia ancora ricevuto la RFQ (Request for quotation) da parte di Apple, cosa che dimostrerebbe il totale abbandono anche dal punto di vista dei pannelli LCD montati su iPad ed iPad mini. La richiesta è invece stata inoltrata a LG Display, Sharp, Japan Display e Au Optronics (AUO), che sopperiranno al fabbisogno di display per i tablet di Cupertino (e probabilmente anche per i prossimi smartphone).

La RFQ è una richiesta di quotazione rivolta al fornitore, dove a fronte di una descrizione particolareggiata dei prodotti richiesti, si richiede semplicemente una quotazione economica.

C’è da dire che l’abbandono non è stato secco, ma progressivo. Già l’anno scorso Apple ha richiesto a Samsung solamente 0,8 milioni di pannelli rispetto, ad esempio, ai 2 milioni forniti da LG, che probabilmente aumenterà ulteriormente la produzione di display per la società di Cupertino nel corso dell’anno.

Via | iClarified

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: