Morire non sarà più un problema grazie a Google!

Sono sicuro che se moriste il vostro ultimo pensiero sarà dedicato al vostro account Google e della fine che farà nell’oblio degli account di internet rimasti inutilizzati. Ma per risolvere a questo arcano problema, Google ci mette una pezza. Vediamo come!

google-1

Da adesso abbiamo la possibilità di inserire un periodo di timeout per il nostro account Google. Questo parte dall’ultimo accesso al nostro account e può essere configurato in base alle nostre necessità. Terminato il periodo, questo verrà cancellato se non rispondiamo alle e-mail che ci segnaleranno la chiusura dell’account poco prima che questa avvenga realmente.

“Che cosa vuoi fare di foto, email e documenti quando smetti di utilizzare il tuo account? Google ti consente di decidere”, si legge sulla pagina di Google Accounts. “Sono molte le situazioni che potrebbero impedirti di accedere o di utilizzare il tuo account Google. Qualunque sia il motivo, ti offriamo la possibilità di decidere cosa fare dei tuoi dati.”

Sembra che Google in questo modo voglia ovviare al problema degli account che restano inutilizzati per motivi ben precisi, in cui il proprietario non può accedere per cause di forza maggiore. Possiamo scegliere se cancellare del tutto i suoi contenuti, così come inviare e-mail a contatti fidati in modo da occuparsene loro personalmente.

googleaccounttimeout

All’interno di Google Documents potrete lasciare anche un testamento virtuale che il contatto potrà leggere, o inviare lettere ad amici per ricordare i vecchi tempi. Un po’ macabra quest’ultima alternativa, ma se Google l’ha inserita vuol dire che qualcuno ne farà uso!

Per poter configurare il timeout del vostro account Google potete recarvi in questa pagina ed iniziare la procedura guidata.

 

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: