Tim Cook ha fallito ed Apple è alla ricerca di un ”nuovo Steve” che guidi la società?

Secondo molti analisti di Wall Street, Apple starebbe cercando il sostituto di Tim Cook, che non avrebbe soddisfatto le previsioni della società negli ultimi periodi, con risultati in borsa decisamente migliorabili. Chi potrebbe avere in mente la società di Cupertino?

timcook

Da quando Tim Cook ha raggiunto la carica di CEO di Apple, le azioni della società hanno avuto un comportamento decisamente anomalo, quasi imprevedibile. Nei primi mesi c’è stato un incremento vertiginoso, portando il valore delle stesse ad oltre 700$ per azione. Al momento però, le stesse stanno subendo da mesi un calo inarrestabile, trovandosi attualmente ad una cifra di 390$.

A giorni Cook dovrà enunciare i risultati trimestrali della società e si prevedono guadagni veramente sostenuti, ma che ultimamente non sembrano influenzare il valore delle singole azioni in borsa. Nonostante ciò, dei 37 investitori intervistati, ben 25 ammettono che le azioni di Apple rappresentino ancora un ottimo acquisto, mentre solamente 6 ne consigliano la vendita.

Questa situazione di assoluta incertezza in borsa avrebbe aumentato il sentore, secondo gli analisti specialisti del settore, che Apple abbia in serbo una modifica sostanziale dell’assetto della propria società, soprattutto “ai piani alti”. In pratica si starebbe cercando un nuovo sostituto di Cook che abbia le qualità per prendere in mano la situazione e cambiarla a proprio favore.

Non si hanno informazioni ufficiali e non crediamo che la notizia abbia una qualche attendibilità al momento in cui scriviamo. Inoltre domani ci si sarà la conference call per discutere dei risultati del trimestre scorso che dovrebbe fornire dei dati reali sulla situazione di Apple.

Quello che ancora non capiscono gli analisti è che il valore in borsa non riflette i reali risultati di vendita della società di Cupertino, da anni ormai sempre in positivo e nettamente la società più florida nei settori che occupa, con margini di guadagno che spesso raddoppiano i diretti concorrenti. Il risultato della caduta delle azioni in borsa, probabilmente è causa dello sciacallaggio e del tentativo di speculazione dei grossi investitori e il diramarsi della notizia del licenziamento di Cook potrebbe essere visto in questa stessa ottica.

Via | Forbes

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: