Usare Siri alla guida è più pericoloso di scrivere i messaggi manualmente

Nuovi studi dimostrano che usare le nuove tecnologie che permettono di trasformare i comandi vocali in testo per mandare messaggi sono pericolose alla guida, alla stregua di quanto lo sia scriverli manualmente.

ChevyMyLinkSiri05

La Texas Transportation Institute dell’Università del Texas ha proclamato un no perentorio a tutti coloro che vogliono utilizzare Siri, o tutti gli assistenti vocali attualmente in commercio, durante la guida. Questa pratica non consentirebbe, secondo l’associazione, di avere i tempi di risposta indicati per una guida sicura.

Nelle analisi condotte dalla società sono stati coinvolti 43 individui sottoposti alla guida prima senza distrazioni e poi in ulteriori due test in cui dovevano scrivere dei messaggi o utilizzare le funzionalità di dettatura vocale degli smartphone moderni.

“In ogni caso, i guidatori hanno richiesto il doppio del tempo di reazione, rispetto a quando non utilizzavano lo smartphone”, ha dichiarato Christine Yager a Reuters. “Anche il contatto visivo con la strada è diminuito, a prescindere dalla modalità di scrittura impiegata.”

I ricercatori hanno scoperto che utilizzare un assistente vocale è addirittura più pericoloso che scrivere i messaggi manualmente, visto che spesso si è costretti a tornare al messaggio e modificare gli errori di dettatura compiuti.

Nonostante tutto i guidatori coinvolti nel test si sentivano erroneamente più sicuri ad utilizzare Siri, ma Yager ci tiene a precisare che si tratta di una sensazione che non ha riscontri nella realtà e che potrebbe causare situazioni di estremo pericolo.

E voi utilizzate Siri alla guida? Ritenete i nuovi consigli della Yager appropriati o i soliti allarmismi troppo estremi?

Via | BGR

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: