I messaggi in chat superano il numero dei ‘vecchi’ SMS per la prima volta nella storia

Il sorpasso è finalmente avvenuto: i messaggi inviati tramite sistemi di messaggistica online hanno superato di numero quelli inviati via SMS. L’annuncio è stato dato dall’agenzia Informa, la quale si aspetta che entro il 2014 il divario potrebbe raddoppiarsi.

iMessage

La società Informa ha dichiarato che i messaggi inviati tramite sistemi di messaggistica online (come ad esempio Whatsapp o iMessage), sono cresciuti a tal punto da sorpassare di numero i normali SMS.

Nel 2012 sono stati inviati quotidianamente circa 19 miliardi di messaggi via internet e “solo” 17,6 miliardi di SMS. La stessa società ha poi dichiarato che ci si aspetta un divario ancora più grande da qui al 2014, ovvero 50 miliardi di messaggi tramite applicazioni contro i 21 miliardi di SMS tradizionali.

Queste notizie non sono sicuramente confortanti per gli operatori mobili in quanto vedono diminuire i propri profitti: secondo la società Ovum, le perdite nel solo 2012 ammontano a circa 23 miliardi di dollari, circa 17,6 miliardi di Euro.

Sempre secondo Informa però, gli SMS continueranno ad aver vita per molto tempo e saranno ancora un’importante fonte di profitto per gli operatori mobili. Nei Paesi emergenti infatti la maggior parte della popolazione possiede telefoni senza una connessione ad internet e quindi gli SMS sono ancora fondamentali.

Inoltre ci sono molte aziende che preferiscono sfruttare gli SMS in quanto sono compatibili con qualsiasi dispositivo e non si trovano quindi obbligate a fornire uno smartphone nuovo con connessione ad internet ai propri dipendenti. Fino a quando alcune situazioni di questo tipo non si sbloccheranno, i profitti derivanti dall’utilizzo degli SMS continueranno a crescere (seppur in modo più lento), nonostante il sopravvento dei sistemi di messaggistica via internet.

Via | BBC News

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: