C’è chi è disposto a tutto, pur di vincere l’asta per il caffè con Tim Cook

Sembra quasi comico, ma un’asta di beneficenza si è trasformata nell’espediente per poter realizzare un crimine. Negli scorsi giorni c’è chi ha effettuato offerte con carte di credito rubate, prontamente segnalate dalle banche coinvolte e cancellate. L’asta però raggiunge ancora valori esorbitanti.

Screen-Shot-2013-05-01-at-9.30.11-AM

Il sito CharityBuzz qualche giorno fa ha messo all’asta un appuntamento con Tim Cook, per evolvere il ricavato in beneficenza. Partendo da una base di 50,000$ come valore stimato dalla stessa società, l’asta ha raggiunto un valore superiore ai 500.000$ in poche ore, arrivando fino a 605.000$.

Tuttavia si è scoperto che quest’ultima offerta proveniva da una carta di credito rubata, secondo quanto riportato dal Fortune. Un portavoce per CharityBizz ha confermato che proprio l’ultima offerta era quella relativa alla frode e la società, non appena scoperto l’atto criminoso, ha provveduto ad eliminare la proposta ed a riaffermare l’offerta precedente maggiore, comunque di 600.000$.

Insomma, c’è chi per un caffè con il CEO più pagato d’America è disposto a spendere più di 500.000$, ma soprattutto c’è chi è disposto a compromettere la propria situazione con la legge, pur di ottenere questo “grande” privilegio. In passato un’iniziativa del genere era stata organizzata con l’ex Presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, che aveva raggiunto però alla fine un valore inferiore alla metà rispetto a quanto richiesto per Tim Cook!

Se volete superare l’offerta ed essere voi i fortunati “ospiti” del CEO di Apple, potete indirizzare il vostro browser in questa pagina e rilanciare i già incredibili 600.000$ richiesti per un semplice caffè.

Via | CultOfMac

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: