Il 60% del mercato globale dei ‘dispositivi smart’ è di Android, solo il 20% di Apple

Android domina ancora il mercato dei dispositivi smart, cioè tutti quei dispositivi appartenenti alle categorie di smartphone, tablet, notebook. Apple con iOS e Mac OS X non arriva nemmeno al 20%, ma resta leader nel settore dei tablet.

smart

Secondo la società d’analisi Canalys, Google ed Apple si spartiscono il mercato dei dispositivi smart: ad Android va il 60%, mentre ad iOS e Mac OS X combinati solamente il 19,3%. All’interno della categoria dei dispositivi vengono inclusi smartphone e tablet, ma non solo: Canalys infatti inserisce nello stesso studio anche i computer portatili.

La percentuale di Apple quindi viene ottenuta non solo dai dispositivi mobile, ma anche dai prodotti della serie MacBook. L’intera categoria dei dispositivi smart, secondo Canalys, è cresciuta del 37,4% nel corso dell’ultimo trimestre, grazie alle sue 308,7 milioni di unità consegnate ai rivenditori in tutto il mondo.

Samsung è il primo produttore diretto, con il 26,2% dei dispositivi, con Apple al secondo posto con il suo 19,3%. Le due società hanno venduto rispettivamente 82 e 59,6 milioni di dispositivi appartenenti alla macro-categoria presa in esame dalla società d’analisi.

screen-shot-2013-05-09-at-12-33-19-pm

Per quanto riguarda i soli smartphone, Android vanta una percentuale globale di circa il 75% grazie anche alla sua versatilità ed alla capacità di inserirsi anche in dispositivi di fascia bassa. Il sistema operativo di Google vanta una crescita del 47.9%. Samsung ed Apple crescono rispettivamente del 64,3% e del 6,7%.

Via | 9To5Mac

 

Android domina ancora il mercato dei dispositivi smart, cioè tutti quei dispositivi appartenenti alle categorie di smartphone, tablet, notebook. Apple…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: