WWDC 2013: Tutto quello che ci si aspetta dall’evento Apple

Manca meno di un mese alla WWDC 2013, la conferenza annuale in cui Apple solitamente presenta nuovi prodotti ed aggiornamenti software di vario tipo. Per quest’anno le indiscrezioni sono davvero tante, ma di sicuro non c’è ancora nulla, a parte forse iOS7 e OSX 10.9  per gli sviluppatori. Vediamo però in campo Mac cosa potrebbe riservarci l’azienda di Cupertino.

wwdc13-icon

Come annunciato da Apple, il 10 Giugno 2013 inizierà la WWDC 2013, ovvero 4 giorni di incontri in cui verranno presentati ai partecipanti i vari progressi compiuti dalla società in ambito software ed hardware. Quasi sicuramente iOS7 sarà presentato durante questo evento e molto probabilmente verrà rilasciata anche una beta riservata agli sviluppatori, ma per quanto riguarda il resto invece? Vediamo insieme cosa Apple potrebbe riservarci in ambito Mac.

iWork ’14

iWork

iWork è una suite di programmi che consentono la creazione e la modifica dei documenti, un po’ come accade con la concorrente Office rilasciata da Microsoft. Apple negli ultimi anni punta sempre più sul mobile, ma è anche vero che molte aziende e professionisti per comodità o per necessità continuano a preferire lavorare sui computer fissi o sui laptop.

La suite iWork, sebbene non sia mai riuscita a conquistare la leadership del mercato, in passato era considerata un’ottima alternativa ad Office. Negli ultimi anni però gli aggiornamenti consistenti della suite sono stati pressoché inesistenti e quindi sono in molti a sostenere che Apple debba recuperare in questo campo.

iPhoto

iPhoto

L’ultimo aggiornamento importante di iPhoto risale ad Ottobre 2010. Nel tempo però aggiornamenti minori hanno appesantito tantissimo la struttura dell’applicazione, rendendola difficoltosa da utilizzare.

Ecco quindi che una sua rielaborazione completa renderebbe felici moltissimi utenti. Inoltre alcune funzioni da migliorare sarebbero lo streaming foto, la possibilità di vedere i propri scatti anche dal Finder, quella di prelevare e spostare le foto in modo più semplice, o la possibilità di scegliere alcune funzioni, come ad esempio la disabilitazione di Volti, non sempre efficiente.

Software di prova iOS

try-before-you-buy

Come vi dicemmo qualche giorno fa, sono in molti a chiedere di poter provare le applicazioni per poterne testare le qualità prima di decidere se acquistarle o meno. In ambiente Mac questa possibilità c’è da sempre, ma su iOS sono disponibili solo alcune applicazioni freemium che lo consentono.

iTunes Match

Match

iTunes Match è il servizio introdotto a Novembre 2011 (ma arrivato in Italia più tardi) che consente di sincronizzare con iTunes tutta la musica di cui si è già in possesso, anche se acquistata altrove. La comodità sta nel fatto che in questo modo tutti i brani che possediamo avranno una qualità superiore ed inoltre li potremo sincronizzare ovunque in mobilità.

Il servizio però implica la sottoscrizione di un abbonamento annuale, ma quando esso scade tutte le canzoni “convertite” ci rimarranno a nostra disposizione e senza il limite imposto dai DRM. Questa situazione scoraggia quindi gli utenti a sottoscrivere nuovamente l’abbonamento anche l’anno seguente e questo comporta minori introiti nelle tasche di Apple.

La soluzione potrebbe quindi venire col lancio dell’applicazione iRadio, la quale potrebbe disporre di alcuni servizi premium che verranno riservati ai sottoscrittori del servizio iTunes Match migliorato, in modo da convincere gli utenti a sottoscrivere l’abbonamento per più tempo.

Un’altra idea potrebbe invece essere quella di predisporre il pagamento di una tantum per il servizio ed integrare dei piccoli abbonamenti per delle caratteristiche premium.

Voi che ne pensate di queste caratteristiche? Vi ritrovate d’accordo o vorreste altro in ambito Mac?

Via | App Advice

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: