Vuoi un’app sulla Top-10 di App Store? Semplice, basta sborsare 50.000€!

Trademob ha pubblicato una particolare classifica in cui è possibile leggere quanto costa lanciare un’applicazione in modo tale che arrivi precocemente all’interno delle classifiche Top-10 di App Store. Vediamo assieme le analisi nel dettaglio.

apple-app-store-apps

La società Trademob ha perfezionato un nuovo interessante studio in cui vengono calcolati i download necessari per riuscire a ricoprire una delle prime dieci posizioni della classifica su App Store. Le analisi vengono differenziate in base allo stato di appartenenza e si scopre che in America si ha bisogno di 80.000 download in 72 ore, mentre in Germania ne bastano 15.000 ed in Italia ancora meno, 11.000.

Alcuni sviluppatori comunque stravolgono le classifiche pagando la gente per effettuare il download, investendo appunto solamente per raggiungere gli importantissimi primi posti della classifica. Lo studio fa notare che, nonostante il costo medio pagato dagli sviluppatori per il download di ogni singola applicazione si aggiri intorno ad 1,50€, quello effettivo è solamente della metà, dal momento che scalando le classifiche queste acquisiscono maggiore visibilità e la gente le scarica anche solamente per pura curiosità.

infografica

Risulta interessante notare che mentre in Italia e nel Regno Unito si ha bisogno di un numero maggiore di download rispetto all’anno scorso per riuscire ad arrivare nella top ten (rispettivamente il 38 e il 44% in più), in America questo è rimasto sostanzialmente invariato. Quest’ultimo dato risulta in contrasto con quanto espletato dalle altre ricerche che definiscono il mercato delle applicazioni come in rapida crescita, di oltre il 30% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Il dato potrebbe indicare che la gente scarica maggiormente le applicazioni che occupano le prime cinque o addirittura le prime tre applicazioni delle varie classifiche.

Via | BGR

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: