Samsung pubblicizza il suo Galaxy S4… gettandolo nel gabinetto! [Video]

Per quanto il Galaxy S4 sia un ottimo dispositivo, tantissimi drop test su internet hanno dimostrato come non riesca a “sopravvivere” alle cadute tradizionali a cui spesso è soggetto uno smartphone. Secondo Samsung non è così e ce lo dimostra in un video… alquanto discutibile.

galaxy-s4-toilet

Un drop test montato a regola d’arte potrebbe dimostrare l’indimostrabile. Ed in questo caso i furbetti in Samsung hanno realizzato un video per far credere agli utenti di tutto il mondo che la plastica sia il materiale più idoneo per la produzione di smartphone, contrastando quanto fatto da tutti i marchi concorrenti più blasonati e quanto sarà costretta a fare nei prossimi anni con molta probabilità.

Nel test che vi dimostriamo di seguito, la società sudcoreana sottopone il suo Galaxy S4 ad una serie di prove nel tentativo di provocare dei danni al proprio top di gamma. Gli esiti sono sempre negativi, dando l’idea di trovarci di fronte ad un dispositivo decisamente indistruttibile.

La realtà dei fatti, nella vita di tutti i giorni, non è questa e ve l’abbiamo dimostrata in questo articolo, basandoci su un video di Android Authority, di certo non un sito partigiano di Cupertino. Se questo non vi bastasse sono tantissimi i drop test che mostrano quanto sia fragile S4, forse anche più fragile della precedente versione che non brillava in resistenza.

Di fatto la plastica è meno soggetta a graffi o urti di lieve entità, ma non riesce a proteggere il display alla stregua di materiali più nobili. iPhone 5 ed HTC One, realizzati con case unibody in alluminio, proteggono i pannelli utilizzati in maniera estremamente più efficace, risultando un materiale migliore, oltre che più elegante e bello al tatto.

Via | BGR

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: