Ecco le icone di iOS 7 ridisegnate da un ex di Apple: basta poco per renderle bellissime

Louie Mantia è un designer conosciuto e rinomato nella Silicon Valley e si è impegnato per rendere più piacevoli le icone di iOS 7 senza alterarne lo stile, con risultati a dir poco impensabili. Mantia ha lavorato per la campagna di Obama e per Starbucks, oltre che essere stato l’artefice di molte icone delle versioni passate di iOS.

iOS-7-iPhone-5

La foto che pubblichiamo di seguito dimostrano come le icone di iOS 7 potrebbero diventare veramente piacevoli allo sguardo con modifiche assolutamente relative soprattutto per quanto riguarda i gradienti (leggermente meno accesi) e aggiungendo alcuni effetti per dare un senso minimo di tridimensionalità senza escludere il minimalismo tanto caro a Jony Ive.

Mantia ha realizzato le nuove icone senza alterare le linee guida di iOS 7, quindi mantenendo uno stile appariscente e pieno di colori, che dà il meglio di sé con le nuove trasparenze del sistema operativo. Si nota subito l’esperienza del designer americano da subito abbandonando la saturazione esagerata delle icone pensate dal team di Ive, per un’esperienza a mio modo di vedere decisamente più gradevole.

icons2_1x

“Oggi ho rivisto le icone di iOS 7 e ho impiegato un giorno per capirne lo stile”, scrive Mantia. “Più semplice e più sottile. Non ho impiegato la struttura che hanno creato per le singole icone né i loro colori, ma  le mie icone sono più equilibrate ed interessanti. Colori saturi ed audaci, ma non troppo invasivi.”

Personalmente preferisco questo stile a quello pensato da Ive. E voi che ne pensate? Quali fra i due stili preferite?

Via | CultOfMac

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: