iOS 7: cosa porterà il nuovo sistema operativo nelle applicazioni di terze parti?

iOS 7 non solo porta ingenti novità dal punto di vista dell’interfaccia grafica e delle funzioni dello stesso sistema operativo, ma dà anche interessanti possibilità agli sviluppatori per quanto riguarda caratteristiche prima assenti tramite le API delle scorse versioni.

io7

Sono tante le funzioni in più che gli sviluppatori possono aggiungere alle proprie applicazioni grazie alle nuove API e agli ultimi SDK rilasciati da Apple. iOS 7 significa nuova interfaccia grafica ma non solo, così come tutte le versioni del sistema operativo mobile di Apple. Fra le funzioni principali ne teniamo in considerazione principalmente cinque. Vediamole assieme:

API Text-to-speech

Le nuove applicazioni, grazie alle API presenti su iOS 7 possono avvalersi delle funzionalità text-to-speech integrate nel sistema operativo. Questo permetterà di risparmiare tempo agli sviluppatori, ma anche di accedere alla funzionalità senza appesantire inutilmente la singola app.

Le nuove app sostanzialmente saranno in grado di integrare la funzione per cui il dispositivo potrebbe leggere direttamente i contenuti testuali presenti all’interno, o le indicazioni della navigazione turn-by-turn satellitare, sfruttando le funzioni integrate su iOS.

Effetti di movimento

iOS 7 vanta molti effetti ed animazioni in tempo reale, come la parallasse della Home. Questa, come sappiamo bene, permette di visualizzare le varie finestre ed i vari elementi dell’interfaccia grafica su più piani differenti, creando una prospettiva verosimile fra le parti. La parallasse non funziona solamente nella Home, ma anche sulle finestre di pop-up, sulle tab di Safari e su moltissimi elementi dell’interfaccia delle app native.

motion-effects-ios7-01

Questa feature sarà disponibile a tutti gli sviluppatori che potranno utilizzare le animazioni in tempo reale anche all’interno delle loro applicazioni. I “Motion Effects” utilizzano l’accelerometro del dispositivo in uso in qualsiasi frangente per applicare l’animazione in tempo reale in base al movimento percepito dal sensore.

Download in background

iOS permette da sempre il download in background, ma solo quelli relativi ad App Store ed ai contenuti di Edicola. Con la nuova versione, gli sviluppatori di terze parti potranno permettere alle proprie applicazioni di scaricare contenuti anche se questa non è più attiva su schermo.

Le nuove API consentono anche di risparmiare energia quando il download è attivo in background. Se la connessione di rete attiva non è performante, iOS 7 diminuirà automaticamente la banda da dedicare al processo di download in modo da consumare meno energia possibile, mentre in caso di connessione Wi-Fi, saturerà la banda a disposizione.

Mappe

Su iOS 7 avremo migliorie per quanto riguarda l’integrazione della cartografia nativa del sistema operativo mobile all’interno delle app di terze parti. Queste ultime avranno finalmente accesso anche alle mappe tridimensionali ed il supporto nativo alla rotazione tramite gesture con due dita. Inoltre gli sviluppatori potranno facilmente posizionare una telecamera virtuale in un punto ben specifico e creare transizioni cinematografiche fra le schermate.

ios7-maps-satellite-01ios7-maps-cartography-01

Le applicazioni potranno adesso avere accesso alla feature “Directions”, tramite la quale potranno integrare sia le indicazioni turn-by-turn per la guida che per le camminate a piedi.

Acquisti in-app gratuiti per gli sviluppatori

Apple offrirà agli sviluppatori il supporto agli acquisti in-app gratuiti, occupandosi degli oneri sia per quanto riguarda l’immagazzinamento dei file che per la distribuzione degli stessi. In questo modo gli sviluppatori non avranno bisogno di attivare i servizi su server specifici, ma penserà a tutto la società di Cupertino.

Questa è una novità appetibile non soltanto per gli sviluppatori dal momento che le applicazioni più voluminose potranno scegliere di aggiungere alcune feature aggiuntive gratuitamente, in modo da rendere il download dell’applicazione il più leggero possibile, se si vuole accedere solo alle funzioni basilari del programma.

Via | 9To5Mac