Apple è stata accusata di aver venduto software pirata in Cina

Sembra quasi un controsenso, ma è proprio così: Apple è accusata di vendere software illegale nel mercato cinese. La società californiana avrebbe infatti messo in vendita illegalmente su iBook Store del materiale protetto da Copyright. Apple non è però l’unica multinazionale ad essere accusata dalle autorità cinesi e c’è chi pensa che sia tutta una strategia del Paese asiatico.

china_t.jpg.pagespeed.ce.BqXBjuZJm2

Nel dettaglio, Apple è accusata di favorire la contraffazione del software a causa di alcuni titoli presenti su iBook Store protetti da Copyright, venduti quindi illegalmente. Il problema è che per le aziende estere è molto difficile stabilire se un software sia contraffatto o meno in quanto esse non hanno il privilegio di poter accedere a questo tipo di informazioni, detenute dal governo cinese, appunto.

Apple non è però l’unica azienda ad avere questo tipo di problemi: Amazon infatti negli ultimi tempi è diventato il negozio online preferito per molti contraffattori e 36 venditori sono stati arrestati in questi ultimi mesi.

Dal mese di Giugno il governo ha studiato inoltre una nuova campagna anti-pirateria ed in futuro verranno cambiate alcune policy volte ad inasprire ancora di più le norme: società come Amazon, in Cina detengono solo l’1% del mercato dell’intero settore e quindi ci si inizia a chiedere perché il governo parta proprio da queste società.

In ogni caso, Apple ed Amazon con la normativa attuale rischiano multe salatissime e se non venissero presi nuovi accorgimenti la situazione potrebbe peggiorare ulteriormente.

Via | Tom’s Hardware

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: