Arrivano le conferme: Non bisogna riacquistare le applicazioni cancellate

Un pò di tempo fa i siti americani iniziarono a far girare una notizia totalmente errata che riguardava il bisogno di ri-pagare le applicazioni scaricate dall’AppStore e successivamente eliminate dall’iPhone. L’immagine in alto vi fa capire la differenza, ovvero, mentre con il Firmware 2.x si riusciva a scaricare gratuitamente un’applicazione già acquistata in passato, si sosteneva che con il nuovo 3.x sarebbe stata introdotta una nuova regola che obbligava a ri-acquistarla cliccando sul tasto BUY. Mai come in questo caso, iSpazio è stato l’unico a riportare correttamente questa notizia, e chi ci segue ogni giorno se ne sarà sicuramente accorto.

Il tasto Buy compare soltanto in caso di applicazioni ottenute con un’altro account oppure tramite un codice Redeem e questo accade per un nuovo metodo di sicurezza che è stato introdotto. Tutti i dati nel nuovo iPhone OS 3.0 sono doppiamente criptati sia a livello Software che Hardware e possiamo gestire account multipli per l’iTunes Store direttamente dal nostro iPhone. Per cui è ovvio che se cambiamo l’account italiano a favore di quello americano, non saremo riconosciuti e bisognerà ri-acquistare l’applicazione, ma se utilizziamo sempre lo stesso login, potremo scaricare gratuitamente anche le applicazioni che abbiamo momentaneamente cancellato, senza doverle ripagare.

Con il firmware 2.0 le credenziali d’accesso per l’iTunes Store vengono sincronizzate con iTunes, ma con il 3.0 potremo anche eseguire uno switch manuale ed è proprio questo che causò gli equivoci.

Quando partì questa notizia, che nesuno verificò, eravamo ancora in piena fase beta sia per quanto riguarda iTunes che il Firmware 3.0, ma adesso, dispondendo di iTunes 8.2 e della versione GoldMaster del nuovo sistema operativo, tutti i siti stanno correggendo la notizia precedente.

Un pò di tempo fa i siti americani iniziarono a far girare una notizia totalmente errata che riguardava il bisogno…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: