Non è facile raggirare il Touch ID, potete dormire sonni tranquilli

Esattamente due giorni fa, un gruppo di hacker tedeschi è riuscito a raggirare il sistema che sta dietro il Touch ID grazie alla fotografia del polpastrello. Sebbene sia un metodo funzionante, è molto difficile metterlo in atto: è tutto spiegato nel video che vi stiamo per mostrare.

Schermata 2013-09-25 alle 09.27.43

Secondo quanto spiegato dall’esperto di sicurezza Marc Rogers, per ricreare l’impronta digitale ci vuole più di un giorno, e sebbene generalmente non sia poi così difficile bypassare il Touch ID per gli esperti del settore, sono necessarie comunque apparecchiature di un certo livello che non tutti i “ladri di iPhone” hanno.

Tutto il processo dura all’incirca 30 ore e richiede, oltre ad apparecchiature dal costo complessivo di qualche migliaio di euro, anche tanta pazienza, una buona dose di competenza e dispendiosa ricerca. Per non parlare del fatto che è necessario acquisire la nostra impronta con uno scanner, lavorarla al computer, stamparla su un foglio trasparente e fare tutto quello che vi avevamo già raccontato nell’articolo precedente.

Insomma…un procedimento più accademico che “criminale”, non trovate?

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: