Ciao ciao Lightning: con molta probabilità Apple si dovrà uniformare agli standard europei

Se tutto va come previsto, Apple potrebbe vedersi costretta ad abbandonare il suo sistema di ricarica proprietario per iDevice. Una scelta che potrebbe portare anche a drastiche scelte dell’azienda sul suolo europeo.

light

“Questo che si ripresenta oggi non è il primo tentativo di creare uno standard per il caricabatteria universale dei telefoni. Già nel 2009 la Commissione Europea, insieme all’Unione Internazionale delle Telecomunicazioni (UIT) ed i principali produttori di telefoni cellulari stipulò un accordo volontario sull’utilizzo del connettore microUSB.” afferma l’Europarlamentare tedesca Barbara Weiler.

I membri della Commissione per il Mercato Interno del Parlamento Europeo vogliono che tutti gli accessori per la ricarica dei dispositivi siano interoperabili, al fine di ridurre i rifiuti elettronici. Se ben ricordate, Apple non ha mai accettato questo standard continuando ad utilizzare connettori proprietari (per oltre dieci anni il connettore a 30-pin e da un anno il nuovo connettore Lightning).

Manca ormai poco: la Commissione poc’anzi citata sta per avviare una serie di negoziati informali con il Consiglio Europeo per dare esecuzione alla legge. Il punto adesso è: come reagirà Apple? Si uniformerà cambiando i cavi e connettori di tutti i nuovi dispositivi? A noi sembra una scelta improbabile, perché questo comporterebbe non pochi problemi, considerando la quantità esagerata di dispositivi venduti ogni anno. Basti pensare ai soli 9 milioni di dispositivi dopo 3 giorni dal lancio del nuovo iPhone 5S…sostituirli gratuitamente sarebbe un problema non da poco.

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: