Ecco la classifica di riparabilità degli smartphone. Qual è il più difficile da riparare?

iFixit, il portale web che si occupa di smontare ogni dispositivo presente sul mercato, ha stilato una classifica sul grado di riparabilità degli smartphone. Andiamo a darci un’occhiata.

droid bionic

La valutazione di iFixit riguarda la riparabilità, ovvero la facilità di apertura del dispositivo, gli elementi di fissaggio all’interno, e la complessità di sostituzione dei componenti principali. La classifica, che potete visionare qui, assegna un punteggio più alto ai dispositivi più semplici da riparare ed un punteggio più basso ai piu difficili:

  • Con un bel 9, troviamo due dispositivi Motorola, Droid Bionic ed Atrix 4G, che risultano quindi molto semplici da riparare;
  • Al secondo posto, con un 8, invece, si piazzano diversi dipositivi: Samsung Galaxy S4, S3, S2, Blackberry Z10, Samsung Galaxy Note e Note II, Nokia N8 e Dell Streak.
  • Invece Motorola Moto X, LG Nexus 4, iPhone 5, Google Nexus S, iPhone 3GS ed iPhone 3G si piazzano sul gradino più basso del podio con un 7.

Schermata 2013-09-29 alle 20.26.51

Schermata 2013-09-29 alle 20.27.16

Schermata 2013-09-29 alle 20.27.39

Schermata 2013-09-29 alle 20.27.57

Schermata 2013-09-29 alle 20.28.09

Il cucchiaio di legno, che comunque nella classifica di iFixit corrisponde ad una sufficienza, se lo meritano ben sette dispositivi: iPhone 5S e 5C, Samsung Galaxy Nexus, iPhone 4S, Motorola Droid 3, iPhone 4, Samsung Galaxy S 4G.

A seguire una serie di smartphone con una difficoltà di riparabilità abbasatanza alta, tra cui Motorola Droid 4, Droid RAZR ed il primo iPhone.

In fondo alla classifica, con il punteggio di 1, troviamo l’’HTC One che risulta essere il dispositivo più difficile da riparare.

Schermata 2013-09-29 alle 20.28.31

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: