I piloti della compagnia aerea Delta si ribellano alla decisione aziendale di sostituire gli iPad con Microsoft Surface

Colpo di scena all’interno della campagnia aerea Delta Airlines, dove i piloti si stanno opponendo alla decisione del management della compagnia americana di sostituire gli iPad presenti in cabina di comando con Microsoft Surface.

surface

“Abbiamo lottato duramente per avere gli iPad” è stato una delle prime dichiarazioni rilasciate da un pilota Delta a AppleInsider, dopo aver appreso la notizia dell’accordo tra Delta Airline e Microsoft. In aggiunta, il pilota, che è rimasto anonimo, ha anche dichiarato che “l’affare andato in porto tra le due compagnie è legato solo al business, senza tener presente della volontà dei dipendenti”.

Delta ha iniziato la partnership con gli iPad di Apple alla fine del 2011, poco dopo che la FAA (Federal Aviation Administration) aveva approvato l’utilizzo dei tablet targati Cupertino in cabina di pilotaggio. Inoltre, la stessa compagnia aveva anche già acquistato di migliaia di iPad per  utilizzarli nei suoi ristoranti aeroportuali.

Ancor più sorprendente è l’annuncio che la società in questi giorni ha pubblicato: infatti, Delta ha perfezionato l’accordo per utilizzare il “Surface 2” di Microsoft. Ciò non fa altro che creare perplessità agli addetti ai lavori anche perchè la stessa Microsoft dice di essere “pienamente operativa entro due anni.

Delta

Attualmente Surface 2 non ha ancora ottenuto l’autorizzazione da parte della FAA per il suo utilizzo negli aerei e Delta si aspetta di riceverlo presto per poter iniziare il lungo periodo di prova a bordo del Boeing 757 e Boeing 767.

L’affare Delta-Microsoft per Surface 2 è stato pubblicizzato a fianco della dotazione, ai 19.000 assistenti di volo, di smartphone Lumia, un altro prodotto Microsoft che non sta vendendo bene.

In tutta questa faccenda, anche i piloti di volo hanno espresso il loro disappunto, manifestando l’intenzione di voler proseguire con gli iPad.

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: