Processo contro Samsung: Apple accusata di aver fatto appello ai pregiudizi razziali

Durante la giornata di presentazione dei propri argomenti di chiusura, Apple e Samsung si sono imbattute in un ulteriore problema. Un commento fatto da Harold Mcelhinny (avvocato di Apple) viene ritenuto da Samsung un chiaro appello ai pregiudizi razziali.

Schermata 2013-11-20 alle 10.03.24

Uno dei temi principali dell’avvocato Mcelhinny è la tutela della proprietà intellettuale: egli sostiene infatti che grazie a questo si devono le conseguenze dell’economia degli Stati Uniti. L’avvocato spiega come questo concetto possa essere interpretato nel mercato televisivo: “Molte aziende nel corso degli anni hanno fondato il proprio mercato su i televisori ma sono state costrette a chiudere perché non avevano protetto la loro proprietà intellettuale”.

La nostra economia scomparirà” ha detto Mcelhinny “se il costo di infrangere la legge è una piccola multa…la spudorata copia di Samsung li condurrà al successo“. L’avvocato di Samsung Bill Price si è sentito chiamato in causa ed è subito intervenuto affermando che Mcelhinny ha fatto appello ai pregiudizi razziali.

Il giudice Lucy Koh, che ha continuato a mostrare poca pazienza per le richieste di entrambe le parti, ha negato l’errore giudiziario. Mcelhinny infastidito dalle accuse ha spiegato che non era sua intenzione fare appello ai pregiudizi razziali e che il concetto del mercato televisivo sicuramente era stato compreso.

Samsung ha continuato ad insistere sulla richiesta sostenendo che Apple accusasse aziende estere dei problemi economici degli Stati Uniti: Il giudice Koh, spazientito, ha semplicemente chiesto ai giurati di non far caso alle parole dette dall’avvocato Mcelhinny.

Via| The Verge

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: