Ecco come l’iPhone costrinse Google a riscrivere completamente Android

Quando il 9 Gennaio 2007 Steve Jobs presentò al mondo il primo iPhone, il team di sviluppo Android, che stava segretamente lavorando al sistema operativo per smartphone da due anni, ricevette un cosiddetto pugno nello stomaco.

jobs-iphone

Ethan Beard, business development executive di Android, rivela che tutti all’epoca sapevano che Apple avrebbe lanciato il proprio smartphone, ma nessuno si aspettava che fosse così bello. Lo rivela The Atlantic che oggi pubblica un’interessante inchiesta su iOS e Android e sulle interferenze che ci furono alla nascita dei due sistemi operativi.

Il keynote tenuto da Steve Jobs fu seguito con grande interesse da tutto il team Android. Andy Rubin, co-fondatore e CEO della compagnia che ha fondato Android, disse al suo staff che non avrebbero potuto mai commercializzare lo smartphone Android stile vecchio BlackBerry che stavano in quel momento progettando.

“Sooner” era il nome in codice del primo prototipo di smartphone Android che non è mai stato commercializzato “a causa” dell’iPhone. Il report afferma che il dispositivo era probabilmente più rivoluzionario dell’iPhone, ma era terribilmente brutto.

Chris DeSalvo, ingegnere del team originario di Android, afferma:

Come consumatore sono rimasto senza parole. Volevo subito un iPhone. Ma come un ingegnere di Google ho pensato: ‘Dobbiamo ricominciare’. Quello che avevamo improvvisamente sembrava così … anni novanta. E’ una di quelle cose che sono ovvie quando te ne accorgi.

Sooner sarebbe arrivato nel mercato nel tardo 2007 se l’iPhone non fosse stato così come lo conosciamo oggi. Dal momento della sua presentazione, il team Android da dovuto cestinare i progetti di due anni, concentrandosi su uno smartphone senza tastiera, ma con un grande touchscreen. Il nome in codice del nuovo progetto era Dream.

Trovate il report completo cliccando qui, e consiglio di leggerlo soprattutto agli apassionati.

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: