Ecco com’è possibile inviare un SMS con la Vodka [Video]

Alcuni ricercatori dell’Università di York hanno avuto una brillante idea per sviluppare un nuovo sistema di messaggistica che ricorda un po’ i segnali di fumo utilizzati in passato dagli indiani d’America. Tutto ciò che occorre è un computer, un ventilatore e molta, molta vodka!

vodka-sms

Molti di noi sanno cosa può significare mandare messaggi di testo quando si ha alzato un po’ il gomito e forse è questo ciò che ha spinto alcuni ricercatori dell’Università di York ad elaborare un sistema di messaggistica utilizzando la vodka.

Nell’esperimento i ricercatori hanno codificato l’alfabeto nell’alcol vaporizzato assegnando un valore del sistema binario differente in base alla concentrazione alcolica. Il segnale chimico è stato poi spruzzato da uno spray ad una distanza di oltre 3 metri e mezzo ed è quindi stato rilevato da un ricevitore in grado di misurare l’aumento e la diminuzione della concentrazione alcolica. In questo modo è stato possibile visualizzare correttamente il testo di input “O Canada”.

Schermata 2013-12-20 alle 21.16.11

Questo particolare metodo di comunicazione non è una cosa fantascientifica o sconosciuta: piante ed animali comunicano da sempre in questo modo, rilasciando feromoni per inviare messaggi su lunghe distanze. Noi esseri umani non siamo però in grado di controllare continuamente l’invio e la ricezione di questi particolari dati e quindi dobbiamo affidarci alle più tradizionali reti GSM o UMTS.

L’esperimento, anche se può sembrare di poca utilità, potrebbe aprire nuove strade per le comunicazioni: i segnali chimici possono infatti raggiungere luoghi difficilmente raggiungibili dai segnali wireless tradizionali, come ad esempio tunnel, condutture o aree sotterranee. Lo sviluppo di questa tecnologia può anche permettere enormi passi da gigante nel campo della medicina: il segnale chimico potrebbe ad esempio controllare un mini robot appositamente costruito che andrà a scovare cellule tumorali od a scoprire gli effetti dei farmaci sperimentali.

Certo, il passo da un po’ di vodka ad un robot che cura il cancro è enorme, ma si tratta comunque di un primo passo verso qualcosa che potrebbe migliorare sia la medicina che le comunicazioni in generale.

Via | The Verge

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: