Dropbox offline per due ore: smentito l’attacco da parte di hacker

Il famoso servizio di storage online, Dropbox, è andato offline nella serata di venerdì per circa due ore. Il motivo, secondo quanto riferisce l’azienda, è ricollegato ad un problema di manutenzione interna anche se un gruppo di hacker sostiene di aver causato l’interruzione del servizio con un attacco DDoS.

dropbox

Alcuni utenti hanno segnalato intorno alle 6 di sera (orario americano, le 5 di mattina in Italia) un disservizio riguardo Dropbox, allo stesso tempo un gruppo di Hacker dal nome The 1775 Sec ha postato su Twitter un post su cui dicevano di aver compromesso il database Dropbox. Nello stesso post era presente un link Pastebin che fa riferimento ad una cache di dati degli utenti.

Durante il tempo di inattività del servizio, gli utenti che tentavano di accedere visualizzavano l’immagine riportata sopra. Poco dopo il sito è stato messo in manutenzione ed ha affermato come fosse tutta una bufala la notizia di un possibile hackeraggio.

 

Il gruppo di hacker, però, ammette di aver usato dei bot per effettuare un attacco in onore dell’attivista politico Aaron Swartz, che si è suicidato l’11 gennaio del 2013. Al momento della sua morte, Swartz stava sostenendo le spese per aver rubato alcuni documenti dalla rete del MIT. Il motivo per cui l’avrebbe fatto era per renderli disponibili al pubblico liberamente.

In un aggiornamento pervenuto alle 5,36 di mattina qui in Italia, come recita il tweet qui sopra, Dropbox ha annunciato che il servizio è di nuovo funzionante e che il motivo del disservizio è stato causato da un problema durante un servizio di manutenzione.

Via | AppleInsider

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: