Nuovo brevetto Apple per effettuare pagamenti tramite dispositivi mobili

Apple non ha ancora svelato in maniera precisa come intende far funzionare i pagamenti da dispositivi mobili, tuttavia un brevetto depositato giovedì scorso rivela qualche informazione in più a riguardo.

pagamenti

Molte aziende come ad esempio Google stanno cercando di semplificare i vari metodi di pagamento implementando delle nuove tecnologie. Per il momento Apple si sta muovendo con molta calma, solo in pochi Apple Store Americani è possibile pagare gli oggetti tramite la nuova tecnologia iBeacon. Per quanto riguarda lo sviluppo futuro dei pagamenti da dispositivi mobili, l’azienda sta cercando di non far trapelare nessuna informazione a riguardo, cercando forse di stupire gli utenti a lavori ultimati. L’ultimo brevetto depositato da Apple però potrebbe fornirci qualche novità.

L’azienda di Cupertino sta progettando un sistema che permetterà di effettuare i pagamenti dai propri dispositivi, nel quale verranno usati moltissimi schemi utili per criptare i dati, fornendo così ulteriori sicurezze per gli utenti. In poche parole il meccanismo si basa su due fasi: la prima dove un dispositivo, ad esempio un iPhone, si collega ad una prima interfaccia Wireless; dopo aver effettuato questa connessione viene in automatico sbloccata ed identificata una seconda interfaccia che porterà a termine il pagamento.

14.01.16-Payment-2

Nell’elenco dei componenti hardware che verranno utilizzati spuntano vari chip e componenti già presenti nei dispositivi odierni. Ciò fa pensare ad una rivoluzione imminente nel campo dei pagamenti da dispositivi mobili. Non ci resta che attendere ed osservare eventuali sviluppi.

Voi cosa ne pensate? Vi sentireste tranquilli ad effettuare pagamenti con queste nuove tecnologie?

Via | AppleInsider

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: