Angry Birds usato per spiare gli utenti: Rovio risponde alle accuse

Stamattina abbiamo trattato un argomento molto scottante.  E’ stato scoperto infatti che le agenzie governative statunitensi e inglesi ricevevano informazioni private tramite applicazioni e giochi, tra cui Angry Birds. Rovio, la software house che ha sviluppato la celebre saga, ha appena risposto alle accuse.

angry birds

Il gioco Angry Birds è stato uno dei mezzi con i quali National Security Agency (NSA) e Government Communications Headquarters (GCHQ) ottenevano informazioni personali degli utenti come posizione geografica rilevata con il GPS, sesso, stato civile, etnia, orientamento sessuale e così via.

Rovio, che ha sede in Finlandia, dichiara di non raccogliere informazioni personali e di non aver mai collaborato con nessuna agenzia governativa come NSA o GCHQ. La speculazione diffusa in queste ore si basa solo sui documenti forniti da Edward Snowden.

La software house creatrice di Angry Birds si difende affermando che la sorveglianza è stata possibile a causa delle pubblicità che compaiono in milioni di siti web e applicazioni. Quindi nessun dispositivo capace di connettersi ad internet o di utilizzare tali applicazioni è immune al controllo delle agenzie governative.

La colpa non sarebbe di Rovio o di Angry Birds, ma delle pubblicità che comparivano all’interno dei giochi. Mikael Hed, CEO di Rovio, promette di riconsiderare gli advertising network utilizzati nell’applicazione affinché questi non abbiano scopi malevoli come i precedenti.

Via | 9to5mac

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: