iWatch: oltre 200 persone lavorano al progetto | Rumor

Continuano ad emergere voci sul futuro smart device da polso Apple. Un nuovo rapporto sostiene che il team di Cupertino che sta lavorando sul cosiddetto progetto “iWatch”, è cresciuto fino a comprendere più di 200 persone.

iwatch

Citando fonti anonime con “conoscenza limitata ma diretta” del dispositivo, il sito MobiHealthNews conferma che l’iWatch sarà una periferica che dovrà essere collegata ad un iPhone per godere delle funzionalità complete. Le capacità tecnologiche del dispositivo saranno “semplici” come alcuni sperano, e non avrà i tanto chiacchierati sensori avanzati come il rilevamento del glucosio ed il monitoraggio dell’idratazione.

Considerando che il dispositivo non dovrebbe avere tali sensori avanzati, l’accessorio da polso non dovrà essere assoggettato al regolamentato dalla US Food and Drug Administration (FDA). Ulteriori indiscrezioni infatti riportano che alcuni funzionari Apple hanno recentemente incontrato i rappresentanti della FDA per assicurarsi che il dispositivo non ricada sotto tale specifica regolamentazione.

La relazione ha anche parlato dell’applicazione “Healthbook” per iOS, che a quanto pare riuscirà a comunicare con l’iWatch per tenere traccia e condividere i dati sanitari degli utenti. A tal fine, si dice che Apple sia concentrata sull’esperienza offerta dal dispositivo, piuttosto che la tecnologia che ne consegue.

Alcune potenziali aree di interesse per l’applicazione Healthbook includono esercizio fisico, sonno, stress, promemoria per prendere farmaci, e dati sanitari delle donne in stato di gravidanza. Tuttavia vi invitiamo a prendere tale notizia con le pinze in quanto non c’è ancora nulla di ufficiale. Ovviamente monitoriamo la situazione e vi terremo costantemente aggiornati.

Via | ApleInsider

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: