L’ex responsabile pubblicitario di Apple ci spiega perché iPhone 5c è un flop

iPhone 5C o lo si ama o lo si odia: quel che è certo è che il dispositivo non ha ottenuto il successo sperato da Apple. Ken Segall è l’ex responsabile della pubblicità per la società di Cupertino e tramite il suo blog ha cercato di dare una visione sul perché il dispositivo è considerato un flop.

iphone 5c

Segall ha spiegato sul proprio blog:

Chiaramente la plastica è stata la componente strategica per iPhone 5c. La pubblicità era incentrata sul “Plastic Perfected“. Il video per il lancio mostra un Jony Ive che presenta iPhone 5c come un dispositivo in plastica sviluppato senza rimorsi [Unapologetically Plastic].

C’era un piano strategico per soffocare il potenziale negativo esaltandolo come se fosse una cosa positiva… Sfortunatamente per Apple, la creatività può mostrarsi come un’arma a doppio taglio.

La linea dell’Unapologetically Plastic era così interessante e memorabile che è stata ripresa in moltissimi articoli riguardanti l’estremamente bassa domanda di iPhone 5c. Non esattamente ciò a cui pensava Apple insomma.

Segall si concentra poi sul prezzo praticato negli Stati Uniti, dove iPhone 5c inizialmente veniva venduto a partire dai 100 dollari con contratto: l’ex di Apple crede che moltissima gente ha preferito spendere 100 dollari in più per un iPhone 5s piuttosto che acquistare un iPhone 5c. Questo dovrebbe quindi far capire ad Apple che non ha bisogno di entrare nel mercato dei telefoni a fascia bassa.

Egli ha infine concluso dicendo quanto segue:

Steve Jobs aveva ragione, Apple è un’azienda che non realizza prodotti “cheap”. Apple realizza prodotti per la gente a cui interessa il design, la semplicità, la qualità e l’esperienza eccellente. E la gente è disposta a pagare di più per queste cose. Fare un compromesso per queste cose sarebbe per Apple una violazione palese della Prima Direttiva.

Via | BGR

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: