Samsung rimuove il codice che permetteva di falsificare i risultati dei benchmark sui Galaxy

L’anno scorso, quando uscì il Samsung Galaxy S4, in molti effettuarono alcuni test, ed i benchmark risultavano sempre più elevati rispetto ai tanti altri smartphone con le stesse caratteristiche. Alla fine si scoprì che Samsung aveva inserito un codice in grado di falsificare i risultati: ora questo codice è stato finalmente rimosso.

Benchmark

Alcuni mesi fa, alcuni utenti hanno scoperto che Samsung barava sui benchmark di alcuni dispositivi, tant’è che se n’è accorto anche Phill Shiller di Apple. In seguito Samsung ha negato tale pratica, ma ovviamente nessuno ci credette a causa dei tantissimi test effettuati dagli utenti.

Sia chiaro, i dati risultanti nei test non erano inventati, ma sicuramente davano una piccola spinta al dispositivo. Samsung aveva infatti elaborato un codice che veniva attivato solo quando venivano effettuati tali test: in questo modo, il processore e tutte le altre componenti hardware lavoravano alla massima potenza, cosa che in condizioni di normale utilizzo non avrebbero mai potuto fare, facendo quindi risultare dei benchmark molto più elevati.

Col rilascio da parte di Samsung della versione di Android 4.4 KitKat, questo codice è stato rimosso, permettendo quindi di eseguire dei test veritieri, senza il rischio di ottenere dei benchmark fasulli. Per gli utenti ovviamente non cambierà niente rispetto al passato, ma Samsung sicuramente ha imparato la lezione e non inserirà altri codici simili all’interno dei suoi dispositivi in futuro.

Via | ArsTechnica

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: