Dopo Apple, tutte le aziende vogliono produrre smartphone con processori da 64-bit

Secondo Mark Liu, CEO della TSMC, Apple è responsabile di una vera e propria conversione verso i processori a 64-bit.

iphone

Sette mesi fa Apple ha annunciato l’iPhone 5S dotato di processore A7 con architettura a 64-bit e, ad oggi, l’intera industria si sta muovendo in questa direzione.

Apple è stato il primo produttore a realizzare un processore simile, che include anche un’architettura dual-core ed una GPU avanzata nello stesso chip. Proprio a causa di questa particolare struttura, “il vecchio” l’iPhone 5S tiene testa al nuovo Galaxy S5 risultando più perfomante in diversi test. Qualcomm è corsa subito ai ripari, mostrando qualche mese dopo i nuovi processori Snapdragon 810 e 808 che verranno montati sui primi dispositivi Android ad inizio 2015.

E’ proprio un impiegato di Qualcomm a dichiarare: “Il chip da 64-bit di Apple è stato come un pugno nello stomaco. Nessuno se lo aspettava. E non intendo soltanto tra noi della Qualcomm ma intendo proprio nessuno! Siamo rimasti a bocca aperta, eravamo impreparati”.

Secondo Mark Liu, sono molti gli smartphone che monteranno un processore da 64-bit a partire dal prossimo anno. Attualmente tutti stanno correndo verso chip simili e la domanda è diventata così alta che non riuscirà ad essere evasa in tempi molto brevi. Per fortuna Apple produce autonomamente i propri processori ed il nuovo chip A8 sicuramente continuerà ad essere basato su un’architettura simile.

Test

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: