Facebook sorride, i numeri sono dalla sua parte

Facebook è stato lanciato nel 2004 e fin da subito ha ottenuto grande successo. Il social network fondato da Mark Zuckerberg, secondo la Alexa Internet Inc., nel 2013 è diventato il sito più visitato al mondo, superando addirittura Google. Poco dopo Facebook però sono nati diversi siti o applicazioni che svolgono alcune simili funzioni del social network, come la messaggistica istantanea. Snapchat, applicazione per smartphone, rientra in questa categoria.

zuckerbergfacebook

Facebook è quindi costantemente minacciato da questo genere di applicazioni ma non è mai stato battuto. I dati di un sondaggio riportato da VentureBeat sembrano dare ragione a questa tesi: sono stati intervistati circa 7,000 adolescenti e il 61% di essi ha affermato di utilizzare Facebook quotidianamente. Una percentuale altissima, che rende Facebook il social network più utilizzato.

YouTube, con il 55%, è la seconda applicazione più utilizzata dagli adolescenti, seguita da Instagram (di proprietà di Facebook, ndr) con il 51%. Una caso particolare è Snapchat, applicazione considerata da tutti come la vera minaccia per Facebook. Questa applicazione ha ottenuto grande successo soprattutto grazie ad una particolare funzione che cancella foto e video dopo un certo periodo di tempo. L’applicazione è usata quotidianamente dal 46% degli adolescenti. Facebook ha rilasciato recentemente Slingshot, che, viste le funzioni, sembra essere una vera e propria risposta a Snapchat.

snapchat-vs-facebook

Questi dati testimoniano che, nonostante le fosche previsioni, un crollo di Facebook sembra per il momento lontano. Infatti, anche se molte persone smettessero di utilizzare il social network, la società di Zuckerberg può contare sempre su Instagram e Whatsapp. I dati quindi per il momento non fanno pensare al peggio, ma il pericolo di un crollo è sempre dietro l’angolo.

Via | BGR

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: