”Patto di non assunzione”: rifiutata la proposta di patteggiamento di Apple, Google, Intel e Adobe

Nella giornata di ieri il giudice Lucy Koh ha respinto la proposta di accordo che Apple, Google, Intel e Adobe avevano raggiunto con i dipendenti nella famosa class-action in cui le quattro società sono state accusate di aver stipulato un “patto di non assunzione“.kohSecondo i documenti del tribunale, il giudice Koh ha ritenuto che la proposta di patteggiamento dei quattro colossi (324 milioni di dollari, circa 5000 dollari per dipendente) non è assolutamente ragionevole, soprattutto se paragonata ai 20 milioni di dollari che Pixar, Lucasfilm e Intuit hanno pagato ai loro dipendenti nel 2013. In proporzione, sulla base di un accordo simile, Apple e le altre società dovrebbero pagare una cifra pari ad almeno $ 380,000,000.

I dipendenti hanno avviato la causa contro le succitate società nel 2011, accusandole di aver stipulato un “patto di non assunzione”. Nel particolare, le società si impegnavano a non “rubarsi” vicendevolmente i dipendenti in modo da tutelare il proprio “bagaglio tecnico” che i dipendenti portavano con se e da mantenere basso il livello degli stipendi.

Via | MacRumors

 

 

 

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: