Il DevTeam continua la sua “lotta” contro GeoHot ed il suo nuovo Purplesn0w RC2

Immagine 2

Come vi avevamo già anticipato ieri, continua la “guerra” tra GeoHot ed il DevTeam, i quali, meno di un ora fa, hanno rilasciato un aggiornamento per UltraSn0w che arriva alla versione 0.9 e che si serve del MobileSubstrate per l’esecuzione del Daemon, risultando ancora più leggero e riducendo l’utilizzo di memoria e batteria. Il Team ha fatto diverse critiche a GeoHot e al suono nuovissimo Purplesn0w RC2:

In primo luogo questo metodo è lo stesso che veniva utilizzato dai vecchi software come AnySIM sul Firmware 1.x e da allora sono cambiate un bel pò di cose, per cui non risulta la migliore soluzione. In secondo luogo patchare il CommCenter non è sicuro, sopprattuto con le modalità adottate da GeoHot che sovrascrive un blocco di memoria di 1MB su 8 a disposizione.

Secondo il DevTeam gli utenti potrebbero avere dei problemi con questo metodo, ma non sanno dirci quando capiteranno: Probabilmente con un intenso uso quotidiano oppure durante un riavvio.

Ultrasn0w invece utilizza soltanto 152 byte di RAM della Baseband, ovvero lo 0.015% rispetto a purplesn0w e di conseguenza è più sicuro. Con la nuova versione 0.9 il DevTeam invita ad abbandonare purplesn0w e scegliere un daemon leggero piuttosto che un potenziale problema con la baseband. Dall’altro lato troviamo GeoHot che è assolutamente fiero del suo nuovo Hack.

In questi casi è difficile scrivere un “consiglio universale” perchè ogni utente avrà esigenze diverse ma in linea di massima:

  • Se preferite la sicurezza: Utilizzate ultrasn0w 0.9 del DevTeam
  • Se preferite l’immediatezza, la semplicità e la “leggerezza”: Utilizzate purplesn0w RC2 di GeoHot

Ricordiamo che entrambi i package vanno installati soltanto su iPhone stranieri, ai quali bisogna sbloccare la parte telefonica per l’utilizzo con qualsiasi sim card.

Come vi avevamo già anticipato ieri, continua la “guerra” tra GeoHot ed il DevTeam, i quali, meno di un ora…

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in:Senza categoria