BBC: Apple non mantiene le promesse. In onda alle 22:00 il documentario sulle condizioni dei lavoratori cinesi

Apple ha più volte manifestato l’impegno della società nel fornire condizioni lavorative migliori ai dipendenti nelle fabbriche cinesi, tuttavia da un’indagine condotta dalla BBC queste promesse non risultano mantenute.

china-worker-nap

E’ così che BBC.com ha pubblicato i risultati di questa indagine, dalla quale si evince:

  • Lavoro minorile
  • Lavoro in condizioni non sicure
  • Impiegati che hanno turni della durata di 12 ore al giorno e che per questo motivo finiscono per addormentarsi sui banchi di lavoro
  • Impiegati che in alcuni casi non hanno avuto un solo giorno di riposo per 18 giorni consecutivi

Per tutte queste ragioni, la BBC ha chiamato questo speciale “Apple’s Broken Promises”, ovvero le promesse non mantenute di Apple.

Alla messa in online di tutto questo Apple ha voluto rispondere e lo ha fatto in questo modo:

Siamo più avanti di qualsiasi altra azienda, facendo tutto il possibile per assicurare condizioni di lavoro migliori ed in piena sicurezza. Stiamo lavorando con i fornitori per ottenere risultati sempre migliori e giorno dopo giorno possiamo vedere dei miglioramenti, ma sappiamo che il nostro lavoro in questo senso non è ancora terminato.

E’ anche vero che gli operai potrebbero essere costretti dai direttori delle industrie a lavorare per più ore al giorno in maniera tale da produrre di più ed avere più guadagni ma tutto questo potrebbe essere evitato da Apple qualora la società decidesse di appoggiarsi ad un’altra fabbrica per dividere il carico di lavoro.

Il documentario integrale andrà in onda alle 22:00 italiane sul canale BBC One.

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: