Apple non deve pagare i controlli di sicurezza come “straordinario lavorativo” ai propri dipendenti

Gli impiegati Apple avevano avviato un’azione legale per ottenere un compenso economico per i 10-15 minuti del tempo quotidiano che l’azienda occupa ai dipendenti nelle svariate operazioni di controllo di sicurezza a seguito delle pause pranzo.

apple store

In particolare, chi lavora in Apple si trova a maneggiare oggetti piccoli, facilmente trasportabili anche in una tasca. Chi invece lavora al Campus entra in contatto con bozze, schizzi, campioni, concept e tanto altro materiale privato che potrebbe essere rubato e venduto ai giornali o alla concorrenza. Proprio per evitare tutto questo, gli impiegati vengono sottoposti a controlli di sicurezza che durano circa 10-15 minuti al giorno.

Facendo una stima, la somma di questi minuti permetterebbe di guadagnare 1.400$ in straordinario all’anno, una somma che farebbe comodo agli impiegati. Purtroppo per loro, l’azione legale è stata respinta.

Il giudice ha anche citato un avvenimento del tutto simile occorso con i dipendenti di Amazon e alla fine è stato stabilito che i controlli di sicurezza sono necessari per queste aziende ma che non possono essere considerate in alcun modo “ore lavorative” da remunerare.

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: