Apple, Google e Amazon si accordano con il Governo Italiano in merito alla questione “acquisti in-app”

In seguito ad una richiesta dell’Autorità Garante della Concorrenza, i tre colossi Apple, Google e Amazon hanno accettato di rivedere le proprie politiche in merito alle applicazioni cosiddette “gratuite”.

governoitaliano

L’Autorità Garante della Concorrenza italiana non muoverà quindi ulteriori accuse contro il trio di società americane, o contro lo sviluppatore francese Gameloft, in cambio dell’impegno di non utilizzare più la parola “Gratis” per descrivere i titoli presenti nei rispettivi store che presentano però acquisti in-app. L’accordo è stato segnalato questo Venerdì dal The Wall Street Journal.

Il governo Italiano ha dato il via alle indagini, in collaborazione con l’Unione Europea, lo scorso Maggio. L’Italia e L’UE hanno fortemente affermato che i consumatori possono essere facilmente confusi dall’idea di scaricare un’applicazione gratuita, senza considerare poi gli eventuali acquisti in-app.

11147-3826-appstore-141119-l

Apple ha già applicato i primi cambiamenti al proprio store lo scorso Novembre, sostituendo la parola “Gratis” con “Ottieni”. Il pulsante “Ottieni” caratterizza ora tutte le applicazione presenti su App Store, che comprendano acquisti in-app o meno.

I cosiddetti titoli “freemium” sono stati fonte di forti polemiche in quanto potevano, e possono, essere scaricati da bambini che potevano facilmente effettuare acquisti all’insaputa dei propri genitori. Ciò ha spinto Apple ad aggiungere nel 2013 l’etichetta/avviso “Offre acquisti In-App“.

Via | AppleInsider

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: