Eddy Cue critica “Steve Jobs: The Man in the Machine”, il documentario sul co-fondatore di Apple

Poche ore dopo la premiere di ‘Steve Jobs: The Main In The Machine‘ al SXSW di Austin, in Texas, i media hanno pubblicato le prime recensioni del film. Il The Guardian osserva che il documentario ritrae Jobs come “un uomo con un talento abbagliante e un fuoco monomaniacale, ma assolutamente privo di empatia“. Questo perché il regista Alex Gibney ha mostrato anche alcuni comportamenti poco piacevoli del co-fondatore di Apple che in genere vengono messi in ombra dai suoi successi.

stevejobsdocumentario

Il SVP di Apple Eddy Cue, poco dopo la messa in onda del documentario, ha espresso tutto il suo disappunto su Twitter, descrivendo il film come una visione erronea e meschina del suo amico e collega, e non un riflesso dello Steve che egli conosceva. Cue ha aggiunto poi che il miglior ritratto di Steve Jobs è quello che emerge dal libro “Becoming Steve Jobs”, che verrà pubblicato a breve.

Anche l’Hollywood Reporter ha giudicato negativamente il docu-film, descrivendolo come “un film che si basa sui suoi misfatti e aspetti negativi, non alla ricerca di un ritratto completo, ma nello spirito di un pubblico ministero che sa benissimo che l’imputato non era una santo“.

Via | MacRumors

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: